Loading...

Cronaca, la storia del parcheggiatore abusivo che stracciava le multe

0
Loading...
Loading...

Vigile Urbano

Chi vive a Napoli sa quanto spostarsi con la macchina sia spesso controindicato non soltanto per la probabilità, tutt’altro che remota, di rimanere imbottigliati nel traffico cittadino, ma anche a causa della difficoltà di reperire un parcheggio se non a pagamento. D’altronde i mezzi pubblici non assicurano un servizio efficiente per cui l’auto rimane il mezzo utilizzato più di frequente per spostarsi da un capo all’altro della città partenopea. Spesso per trovare un parcheggio a Napoli esiste una figura specifica, quella del parcheggiatore abusivo che sbucando da chissà dove si si materializza davanti all’improvviso e vi indica con ampi gesti della mano dove parcheggiare.

In particolare l’episodio di cronaca che ci accingiamo a raccontarvi riguarda un parcheggiatore abusivo di 49 anni. L’uomo faceva parcheggiare gli automobilisti in via Conte di Ruvo, nei pressi del Teatro Bellini. Dopo che i vigili urbani elevavano le contravvenzioni per divieto di sosta, arrivava il parcheggiatore che, come se nulla fosse, prendeva la multa, l’accartociava e la gettava nel cestino.

Il suo comportamento non è però passato inosservato agli agenti dell’ufficio prevenzione generale della Questura che si sono avvicinati al parcheggiatore, quest’ultimo vista la mala parata ha provato a darsi alla fuga ma è stato raggiunto e bloccato poco dopo dagli agenti. Il parcheggiatore abusivo dovrà rispondere della violazione dell’art.490 del Codice penale, ovvero di “distruzione, occultamento o soppressione di atti veri“. L’uomo sarà sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali quale misura alternativa alla detenzione.

Loading...
Loading...