Loading...

Libertà di stampa, Reporter senza frontiere pubblica la classifica mondiale: l’Italia perde 24 posizioni

0
Loading...
Loading...

giornale lettore

Reporter senza frontiere ha stilato una classifica sulla libertà di stampa, monitorando 180 paesi. Iniziamo da casa nostra, dove le cose non vanno bene. L’Italia infatti ha perso ben 24 posizioni rispetto ad un anno fa, scivolando al 73esimo posto. E’ stato evidenziato che in Italia sulla libertà di stampa pesano le intimidazioni mafiose ma anche le denunce per diffamazione da parte degli interessati. I posti peggiori per i giornalisti sono Siria, Cina, Turkmenistan, Corea del Nord ed Eritrea, piazzatisi negli ultimi cinque posti della graduatoria.

Un netto peggioramento della libertà di stampa si è evidenziato in Nigeria, al 111esimo posto, ed in Iraq, al 156esimo posto. Per quanto riguarda i paesi della Comunità Europea il fanalino di coda è la Bulgaria, piazzatasi al 106esimo posto. Male anche la Grecia al 91esimo posto. Nonostante la strage di Charlie Hebdo a Parigi la Francia conquista un posto in più rispetto ad un anno fa. I paesi più virtuosi nella classifica della libertà di stampa sono invece quelli scandinavi: la Finlandia è al primo posto, seguita da Norvegia e Danimarca.

C’è un peggioramento generale anche degli Stati africani, nonostante la Costa d’Avorio abbia guadagnato 15 posizioni. I parametri scelti da Reporter senza frontiere per stilare la classifica sono stati: livello di abusi, pluralismo, indipendenza dei media, autocensura, quadro giuridico, trasparenza e infrastrutture.

Loading...
Loading...