Loading...

Berlusconi ed Alfano, prove di “pace” per le Regionali: Renzi rischia l’accerchiamento

0
427
Loading...
Loading...

matteo renzo italy

ROMA- Angelino Alfano sino a poche settimane addietro era “prigioniero” politicamente dei suoi “alleati” di maggioranza. Agli occhi degli analisti l’Ncd non poteva permettersi prove di forza nei confronti del premier e del Partito Democratico.Il Governo Renzi, da lui apertamente sostenuto e in cui ricopre la carica di Ministro degli Interni, gli offriva lo spazio di manovra e il tempo necessario per “attrezzare” il suo Ncd alle future sfide elettorali.

I veleni con gli ex compagni di partito di Forza Italia erano ancora ben lungi dall’appartenere al passato: il “secessionista” Alfano non veniva preso concretamente in considerazione come un potenziale alleato di coalizione.

La vicenda dell’elezione al Quirinale, con Sergio Mattarella Presidente della Repubblica, ha scompaginato gli scenari all’interno e all’esterno dell’attuale coalizione che sostiene l’esecutivo. Angelino Alfano e Silvio Berlusconi hanno ricominciato a dialogare. In queste ore si ipotizza un’alleanza elettorale in alcune regioni (Campania e Veneto) oltre che in alcuni comuni.

Per Matteo Renzi più di un’ incognita, considerando i numeri al Senato e come Ncd non tarderà a far pesare il suo nuovo peso specifico. Oltre che in ottica della tenuta stessa dell’esecutivo, anche nelle varie commissioni e sui singoli provvedimenti. Uno scenario da incubo per il premier, alle prese già con la “vietnamizzazione” della minoranza PD.

Loading...
Loading...