Loading...

“La casa di Massimo Troisi” inaugurata il 19 febbraio e la petizione per intitolargli una piazza

0
362
Massimo Troisi
Loading...
Loading...

Massimo Troisi

Massimo Troisi ci ha lasciato ad appena 41 anni nel giugno del 1994 all’apice della sua carriera di attore, regista e comico. Chissà quanto altro ancora ci avrebbe potuto regalare facendoci ridere e sorridere della vita con la sua comicità mai banale, se la Nera Signora non avesse deciso in quella notte di giugno di strapparcelo anzitempo.

Domani 19 febbraio Massimo Troisi avrebbe compiuto 62 anni. Come di consueto, nel ricordare l’aniversario della nascita, ogni anno San Giorgio a Cremano promuove l’iniziativa “E’ nata una stella” ed inoltre quest’anno viene inaugurata l’esposizione permanente “Casa Troisi”. Alle 17 di domani 19 febbraio sarà il sindaco Mimmo Giorgiano a tagliare il nastro della nuova sede in “Villa Bruno” dell’associazione “A casa di Massimo Troisi”, gestita da Luigi, il fratello dell’attore scomparso. Luigi sottolinea qual è l’intento di questa iniziativa: “Vorrei che “Casa Massimo” diventasse un luogo dove sfogliare l’album dei ricordi comuni come si fa quando ci si ritrova in famiglia, ma anche il luogo dove tanti giovani e meno giovani possano trovare un “padrino” sempre vivo che li stimoli e li aiuti nei loro esordio“.

Ma se l’attore nel suo paese natale di San Giorgio a Cremano viene ricordato con una piazza, a Napoli non vi è ancora un riconoscimento di questo tipo. Per questo motivo è partita una raccolta di firme per intitolare una piazza a Napoli a Massimo Troisi. Le 1500 firme raccolte dall’Associazione “NapoliEvviva” e da “UèCap- Risveglio cittadino”, sono state consegnate mercoledì 18 febbraio al Comune di Napoli.

La proposta è di intitolargli l’attuale Piazza Roffredo Beneventano nel quartiere Chiaia, inclusi scale e giardinetti. Insoma si tratta di un riconoscimento dovuto a un attore che ha saputo interpretare Napoli come pochi altri, senza ricorrere a una comicità dall’applauso facile e ridanciano, ma rivelando dietro le sue battute un riso amaro e malinconico.

Loading...
Loading...