Loading...

Elena Ceste, Tribunale del Riesame: omicidio non fu premeditato

0
363
Elena Ceste
Loading...
Loading...

Elena Ceste

Michele Buoninconti, accusato dell’omicidio e dell’occultamento di cadavere della moglie Elena Ceste, continua a ribadire la sua innocenza, negando di aver ucciso la donna. Tuttavia l’uomo resta in carcere in quanto il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai suoi legali. Entro 5 giorni avverrà il deposito delle motivazioni. Il Tribunale del Riesame di Torino ha anche escluso la premeditazione dell’omicidio di Elena Ceste da parte del marito.

Insomma a diffferenza di quanto sostengono il pm e il gip nell’ordinanza d’arresto, quello di Michele Buoninconti sarebbe stato un delitto d’impeto a causa forse della gelosia nei confronti della donna che riteneva essere “infedele”. Buoninconti è in custodia cautelare dal 29 gennaio scorso nel carcere di Quarto D’Asti.

L’uomo fu iscritto nel registro degli indagati poco dopo il ritrovamento dei resti della moglie, il 20 ottobre scorso, a 10 mesi dalla scomparsa, in un canale ad appena un chilometro di distanza dalla casa in cui vivevano.

In effetti la posizione di MIchele Buoninconti è apparsa fin da subito alquanto ambigua, anche perché nella ricostruzione effettuata dall’uomo di quella mattina di gennaio in cui la moglie è scomparsa, sono emerse fin da subito delle zone grige che davano adito a più di un dubbio.

Loading...
Loading...