Loading...

Pokerstars nei guai, il fisco italiano smaschera una maxi-evasione di 300 milioni di euro

0
413
Loading...
Loading...

poker

Il noto sito di poker Pokerstars è finito nel mirino della Guardia di Finanza, che ha scoperto una maxi-evasione da 300 milioni di euro nell’ambito dell’operazione chiamata appositamente “All-in”. Pokerstars gestisce le maggiori entrate del gioco del poker online in Italia tramite la costituzione di due società nazionali. La Halfords media italy srl, che doveva fornire ausilio e servizi per il gioco online, in realtà gestiva tutti altri affari.

La società volontariamente ha eroso la propria base imponibile, spostando così la tassazione del reddito proveniente dai ricavi in Italia verso le isole di Malta e di Man, che garantiscono un sistema di trattamento fiscale più morbido nei confronti dei siti di giochi virtuali.

Da un punto di vista finanziaria la tecnica usata è quella chiamata in gergo “prezzi di trasferimento”. Il carico fiscale viene alleggerito tramite lo spostamento del reddito ricavato verso altri paesi, i cosiddetti paradisi fiscali, dove la tassazione è nettamente più favorevole.

L’amministratore delegato di Pokerstars è stato denunciato per frode fiscale. Il Comando Provinciale di Roma della Guardia di Finanza ha rilasciato una nota che si conclude così: “L’attuazione del complesso disegno criminale è stata resa possibile grazie alla posizione verticistica assunta in tutte le società controllate dall’amministratore unico del gruppo, funzionale a poterne determinare ed influenzare l’autonomia gestionale in vista del proprio esclusivo vantaggio personale”.

Loading...
Loading...