Loading...

Studenti in gita scolastica ricoverati per una intossicazione alimentare

0
396
Scuola
Loading...
Loading...

Scuola Edificio Scolastico

Ricorderannno probabilmente a lungo questa gita scolastica oltre trenta studenti provenienti da una scuola media di Santa Maria Capua Vetere, nonché i loro docenti e per motivi tutt’altro che piacevoli. In tutto su 150 ragazzi in gita, risultano 37 gli studenti ricoverati di età compresa tra i 13 e i 14 anni, che erano in gita scolastica in Austria e che prima del ritorno in Campania, avevano deciso di pernottare in una struttura alberghiera presso Jesolo. A rimanere intossicati anche 4 professori.

La mattina di sabato, alla ripresa del viaggio quando i pullman erano già sull’autostrada,  molti di loro hanno cominciato ad accusare nausea e mal di pancia, sintomi che hanno fatto pensare a una gastroenterite. A questo punto vista la situazione, i tre autobus si sono fermati alla stazione di servizio di San Pelagio, e sono stati quindi chiamati i primi soccorsi.

I giovani che accusavano i sintomi della gastroenterite sono stati caricati quindi su appositi pulmini fino a Padova, dove sono stati ricoverati per essere sottoposti a degli accertamenti. Gli studenti sono stati ricoverati nei nosocomi di Abano Terme, Piove di Sacco e Schiavonia.

Alla base di questa intossicazione alimentare ci sarà stato senz’altro qualche alimento ingerito dagli studenti, tuttavia le cause sono ancora in corso di accertamento. In particolare presumibilmene la struttura da cui i ragazzi sono stati ospitati a Jesolo, verrà sottoposta a degli accertamenti sanitari, tuttavia i titolari hanno fatto sapere che gli studenti avvertivano questi sintomi già prima del loro arrivo nella struttura alberghiera ed infatti avrebbero chiesto dei termometri.

Loading...
Loading...
SHARE
Previous articleSalute: un bacio del proprio cane fa bene quanto uno yogurt
Next articleCronaca: salvato neonato abbandonato
Ideatore, fondatore e amministratore di News24web.it, un sito informativo che si propone l'obiettivo ambizioso di raccontare la contemporaneità. Il progetto vede la luce nell'aprile del 2014. Dottore in giurisprudenza, appassionato bibliofilo, cultore delle belle lettere. Vincitore di concorsi in ambito letterario, i suoi testi sono stati pubblicati in numerose riviste e antologie.