Loading...

Francia: anomalie al reattore nucleare di Flamanville

0
Loading...
Loading...

Industria Nucleare

L’Autorità per la sicurezza nucleare francese (Asn) ha riscontrato una anomalia tecnica nel funzionmento nel reattore nucleare Epr di Flamanville in Normandia. In particolare l’anomalia rilevata dai tecnici riguarda la composzione dell’acciaio di determinate porzioni del coperchio e del fondo del serbatoio.

Il difetto è emerso nel corso di un controllo di routine effettuato da Edf ed Areva, le due aziende che si occupano della sicurezza del cantiere. Da una nota congiunta diramata dalle aziende emerge che: “I controlli mostrano che uno dei parametri non era rispettato in una zona, che presentava una concentrazione di carbonio più elevata della media“.

I lavori per la costruzione di questo reattore nucleare sono cominciati nel 2007 e dovrebbero terminare nel 2017. Nel novembre del 2014 già si era verificato un problema al coperchio del reattore. In ogni caso le due aziende hanno disposto una serie di nuovi controlli per verificare la piena sicurezza dell’impianto nucleare.

A comunicarlo è il ministro dell’Energia francese, Segolene Royal. I risultati di questi esami sono attesi per ottobre. Il reattore Epr si avvale di una tecnologia nucleare di terza generazione, messa a punto dale due aziende francesi, che dovrebbe portare a un più efficiente sistema di produzione di energia.

In effetti l’Italia ha sempre guardato alla Francia quale paese di riferimento per quanto riguarda il nucleare. Ma a quanto pare si tratta di un modello, quello francese, che ha bisogno ancora di essere perfezionato per ridurre al minimo i possibili rischi connessi allo sfruttamento dell’energia nucleare per la produzione di energia elettrica.

Loading...
Loading...