Loading...

Sgominata cellula jihadisti che aveva nel mirino il Vaticano

1
Loading...
Loading...

Vaticano

Ieri mattina grazie a un’operazione diretta dalla Procura distrettuale di Cagliari, coordinata dal Servizio centrale antiterrorismo, è stata scoperta una cellula fondamentalista legata ad Al Qaeda con base in Sardegna. Dalle intercettazioni sono emersi proprio gli indizi relativi al piano di un attentato, oltre che contro il governo del Pakistan, anche contro il Vaticano. Sarebbero 10 le persone affiliate all’organizzazione terroristica di Al Qaeda. Nel corso di una conferenza stampa, la polizia ha dichiarato che a conclusione di questa operazione sarebbero state emesse 18 misure cautelari a carico di pakistani ed afghani che stavano preparando attentati non solo nei loro paesi d’origine ma anche in Italia, e nello specifico avevano messo nel mirino il Vaticano. In particolare così si è espresso Mario Carta, il responsabile della Digos di Cagliari: “Non c’è la prova, c’è il forte sospetto… Da Sassari si parla di ‘grande jihad’ da fare in Italia, dicono ‘baba’, che è un capo, un leader: può essere il Papa ma non lo è necessariamente“. A capo di questa cellula terroristica emergono due fiancheggiatori di Osama Bin Laden, mentre gli altri arrestati sono considerati gli autori della strage nel mercato di Peshawar in Pakistan nel 2009.

 

Tuttavia il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, riguardo a quanto emerso dalle indagini compiute dalla Procura di Cagliari, così si è espresso: “Da quel poco che si dice sembra un’ipotesi del 2010. Quindi la cosa non è oggi rilevante e non è motivo di particolari preoccupazioni“.

Loading...
Loading...

1 Commento