Loading...

Genny a’ carogna condannato a due anni e due mesi

0
Loading...
Loading...

Genny a carogna

Gennaro De Tommaso, passato alle cronache con il soprannome di “Genny a’ carogna”, è stato condannato a due anni e due mesi di carcere, senza sospensione condizionale della pena. E’ accusato per le violenze accadute prima di Napol-Fiorentina, finale di coppa Italia giocata il 3 maggio 2014 allo stadio Olimpico di Roma. Condannati ad un anno e 8 mesi, con pena sospesa, anche altri tre tifosi del Napoli accusati di resistenza a pubblico ufficiale. La sentenza è stata emessa con rito abbreviato dal gup Giulia Proto. In modo particolare a Gennaro De Tommaso vengono imputate le violenze verificatesi tra piazza Mazzini e Ponte Milvio, e successivamente di aver scavalcato le recinzioni della curva Nord. Nella mente degli appassionati di calcio restano impresse le scene in cui discuteva col capitano del Napoli Hamsik, e con le forze di polizia sull’eventualità di giocare la partita.

 

De Tommaso è stato assolto dalle accuse relative alla maglietta che riportava la frase “Speziale libero” e di avere istigato al lancio di oggetti in campo. Precedentemente c’erano stati violenti scontri tra tifosi napoletani e tifosi romani. Nel parapiglia venne ferito da un colpo di pistola il napoletano Ciro Esposito, il proiettile arrivò alla spina dorsale. Il ragazzo combatté tra la vita e la morte, e prima di spirare riconobbe in Gastone De Santis l’uomo che lo aveva sparato.

Loading...
Loading...