Loading...

Crotone, cronaca: sedicenne ucciso a coltellate

0
Loading...
Loading...

polizia

E’ accaduto in un bar a Isola Capo Rizzuto, nel crotonese. Maycol Catizone, che avrebe compiuto 16 anni tra 9 giorni, è stato ferito mortalmente con delle coltellate. Ad ucciderlo è stato Carmine Pullano, di 31 anni, che ha ferito seppure lievemente anche altri 2 ragazzi. Stando a quanto è stato fin qui ricostruito dalla polizia, il ragazzo, studente di scuola media, nella giornata di ieri, si trovava al bar per trascorrere la serata con gli amici, di poco più grandi. Non si sa precisamente quali motivi abbiano innescato la lite che poi è finita in tragedia. Fatto sta che è iniziata una discussione tra i ragazzi e Carmine Pullano, già noto alle forze dell’ordinme per dei precedenti. La situazione è presto degenerata con botte e insulti, sarebbero state utilizzate perfino delle stecche di biliardo. Pullano avrebbe brandito anche un coltello da cui Maycol Catizone è stato colpito due volte, una al fianco e una al torace. Nonostante la corsa disperata in ospedale, le ferite si sono rivelate mortali. Gli altri due ragazzi coinvolti nella rissa, di 20 e 23 anni, non hanno riportato nessuna ferita grave. Le indagini dei carabinieri di Isola Capo Rizzuto, della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale hanno portato all’identificazione del 31enne che è arrivata grazie al sistema di videosorveglianza presente al bar.

 

Carmine Pullano si era nascosto sotto un ammasso di materassi in un appartmanento usato d’estate solo dala madre. L’uomo avrebbe detto che non aveva intenzione di ammazzare nessuno. Intanto la sua versione dei fatti viene messa a confronto con quella degli altri due ragazzi coinvolti per cercare di risalire al motivo che ha scatenato questa lite che si è conclusa tragicamente con la morte di un ragazzo di appena 16 anni.

Loading...
Loading...