Loading...

Salute, alla scoperta dell’olfatto: uno dei sensi più sottovalutati

0
451
Naso olfatto
Loading...
Loading...

Naso olfatto

Si tende a ritenere l’olfatto uno dei sensi meno sviluppati nell’essere umano. In realtà non è così perché l’olfatto a differenza di quanto si pensa, è molto sviluppato anche nella nostra specie. A questo proposito i ricercatori della Rockefeller University a News York, la cui ricerca è stata pubblicata su Science, hanno dimostrato che l’olfatto umano è capace di sentire oltre 100 milardi di odori e non solo 10mila come invece si riteneva fino ad oggi. Si può però affermare che l’olfatto, a differenza di altri sensi, quali ad esempio l’udito e la vista più facili da studiare in quanto hanno un “range” più definito, ad esempio i colori distinguibili sono tra i 2,3 e i 7,5 milioni, presenta delle difficoltà maggiori, basti solo pensare che i segnali acustici sono circa 340mila. I ricercatori hanno condotto un esperimento che ha coinvolto 28 adulti. In questo esperimento sono stati preparati dei campioni mescolando 128 molecole. Le molecole mescolandosi tra loro andavano a formare degli odori molto particolari da definire e che i partecipanti non avevano mai sentito altrove. Ai volontari sono stati presentati tre flaconi per volta: due abbinati e uno diverso. Nonostante in alcune miscele gli odori erano sovrapposti e pertanto risultava molto difficile da distinguere, i volontari sono stati comunque in grado di cogliere fino a mille miliardi di combinazioni di odori differenti, riuscendo a rilevarne le differenze anche più sottili. In base ai risultati dell’esperimento gli studiosi hanno stimato che gli esseri umani sono capaci di distinguere perlomeno millle miliardi di stimoli olfattivi. Insomma l’olfatto del nostro naso non è meno efficace nell’orientarci rispetto alla vista e dell’udito.

Loading...
Loading...
SHARE
Previous articleAgguato a Napoli: freddato parcheggiatore abusivo
Next articleSalute, ridi che ti passa!
Tra i primi ad essere coinvolti nel progetto di News24web.it, ha iniziato il suo coinvolgimento attivo dal marzo 2014. Attualmente ricopre la posizione di writer. Scrive prevalentemente di cronaca in Italia, attingendo a fonti istituzionali e locali.