Loading...

Perseguita la moglie con messaggi su WhatsApp e microcamere: arrestato

0
421
Carabinieri
Loading...
Loading...

Carabinieri camorra

CRONACA BARI – Ai danni di un 46enne incensurato di Adelfia, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare a seguito della quale l’uomo è stato arrestato. Al 46enne di Adelfia vengono contestati atti persecutori ed interferenze illecite nei confronti dell’ex moglie. Stando a quanto è stato accertato dagli inquirenti, l’ex marito non è mai riuscito ad accettare la separazione della moglie, così nel periodo tra novembre scorso e il marzo di quest’anno, ha tenuto comportamenti di natura molesta e persecutoria che hanno concretato la fattispecie di stalking. In pratica l’uomo, stando sempre a quanto è stato ricostruito dalla polizia, ha iniziato a bersagliarla di messaggi sul cellulare, in particolare su WhatsApp. Inoltre ha cominciato a pedinarla per controllarne ogni spostamento. Dalle indagini è emerso che l’uomo ha installato in casa della ex moglie due microspie in camera da letto e in camera da pranzo, con cui in pratica, ad insaputa della donna, ne controllava ogni movimento.

 

Le sim card all’interno delle microspie sono risultate intestate all’ex marito che quindi è stato arrestato dai carabinieri. L’ex marito, stando a quanto è stato appurato dall’attività investigativa, avrebbe anche aggredito verbalmente la moglie presso il posto di lavoro. Questo comportamento vessatorio e persecutorio messo in atto da parte dell’ex marito ha costretto la donna a stravolgere le sue abitudini di vita, il che le ha comportato uno stato di ansia, di stress e di tensione.

Loading...
Loading...