Loading...

Wwf lancia l’allarme: “A rischio un terzo dei patrimoni naturali dell’umanità”

0
513
Giappone abbandono
Loading...
Loading...

Ambiente

L’allarme proviene dal Wwf che ha evidenziato come il nostro patrimonio naturale è messo a forte rischio a causa delle esplorazioni per la ricerca di petrolio, gas e minerali. Insomma stando all’allarme lanciato dall’organizzazione non governativa ben il 31% dei siti naturali Patrimonio dell’umanità è a rischio. D’altronde la ricerca cieca del profitto da parte delle multinazionali rischia di compremettere seriamente l’ecosistema di questi veri e propri paradisi terrrestri. In particolare riguardo ai patrimoni naturali a rischio il Wwf cita le foreste della Tanzania e del Parco Nazionale del Virunga nel Congo. Stando agli ultimi dati disponibili, la distruzione di queste due riserve è arrivata già al 61%. Anche le foreste pluviali dell’Africa non se la cavano molto meglio a causa delle trivellazioni da parte delle industrie per la ricerca e l’estrazione di minerali. Insomma se le trivellazioni continueranno a questo ritmo la biodivesità del nostro Pianeta è messa a forte rischio. Il Wwf lancia un appello ai governi perché intervengano e mettano un limite a questo sfruttamento intensivo dei patrimoni naturali.

 

Se non si interviene, tra appena qualche decennio potremmo aver raggiunto il punto di non ritorno. Di questi temi se ne discuterà approfonditamente anche dal 30 novembre all’11 dicembre del 2015 alla Conferenza internazionale sui cambiamenti climatici che si terrà a Parigi.

Loading...
Loading...
SHARE
Previous articleCaso Denise Pipitone: assolta la sorellastra Jessica Pulizzi
Next articlePalermo cronaca: impiegato ruba telefonino al bar
Ideatore, fondatore e amministratore di News24web.it, un sito informativo che si propone l'obiettivo ambizioso di raccontare la contemporaneità. Il progetto vede la luce nell'aprile del 2014. Dottore in giurisprudenza, appassionato bibliofilo, cultore delle belle lettere. Vincitore di concorsi in ambito letterario, i suoi testi sono stati pubblicati in numerose riviste e antologie.