Emergenza polveri sottili, Regione Lombardia: evitare botti per il bene dell’ambiente

0
454
Loading...
Loading...

Fuochi Botti CapodannoL’assessore all’Ambiente della Lombardia, Claudia Maria Terzi, ha inviato una lettera a tutti i sindaci, alle prefetture, ai direttori delle Asl, al presidente di Arpa, ai comandanti delle polizie locali e provinciali e ai comandi regionali del Corpo Forestale dello Stato riguardo alla possibilità di vietare almeno per quest’anno i tradizionali fuochi d’artificio e i botti di fine anno. In particolare queste sono le motivazioni della richiesta: “I fuochi artificiali rappresentano una fonte molto importante di inquinanti. Fuochi e giochi pirotecnici determinano il raggiungimento di valori di picco elevati e un notevole peggioramento dei valori di qualità dell’aria nelle ore e nelle giornate immediatamente successive ai fuochi, con particolare riferimento alle polveri sottili (pm10)“. Ed ancora: “Per questo aggiungo ulteriori elementi di attenzione a integrazione di quanto gia’ comunicato il 21 dicembre persistendo, sull’intero territorio regionale e il bacino padano, con previsioni di permanenza di tale scenario anche nei prossimi giorni, condizioni meteoclimatiche particolarmente critiche per la formazione e l’accumulo di inquinanti”. Oltre a ciò si avrebbero effetti positivi: “anche in relazione al positivo effetto delle misure sull’incolumità e il benessere delle persone oltreché degli animali domestici e della fauna in genere“. D’altronde nei fuochi artificiali e nei botti di fine d’anno si riscontrano quantità non indifferenti di potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, cromo e piombo, tutte sostanze che potrebbero aggravare ancora di più l’inquinamento già presente a causa delle polveri sottili nell’aria.

D’altronde le previsioni metereologiche non lasciano presagire nulla di buono per quanto riguarda i livelli delle polveri sottili nell’aria a causa della mancanza di vento e di pioggia.

Loading...
Loading...