Loading...

Epidemia di stafilococco al San Camillo, contagiati 16 bambini e “colonizzati” 17 operatori

0
549
Batteri tumori
Loading...
Loading...

batteri meningite

Al reparto di Neonatologia dell’ospedale San Camillo di Roma nel mese di febbraio si sono verificati sedici casi di infezione prodotti dallo Stafilococco aureo. Sedici i bambini infettati, di cui 5 positivi e 17 operatori che sono entrati in contatto col temibile agente patogeno. I 17 operatori risultano “colonizzati” ovvero pur essendo entrati in contatto con il batterio non hanno sviluppato alcuna patologia correlata. E’ stato necessario l’intervento da parte del Servizio regionale di epidemiologia sorveglianza e controllo delle malattie infettive, che ha confermato il contagio dei bambini individuando quello da cui è partita l’epidemia e ha confermato altresì anche i 5 positivi, cioè i bambini che sono entrati in contatto col batterio ma non hanno sviluppato l’infezione. Lo stafilococco è uno dei batteri più temibili che può svilupparsi nelle strutture sanitarie in quanto si tratta di agenti patogeni che risultano resistenti a molti antibiotici. Quanto accaduto nell’ospedale romano riporta drammaticamente in evidenza il fenomeno dell’antibotico-resistenza riguardante alcuni ceppi batterici. In tal senso dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) risulta che è proprio l’Italia il Paese europeo che ha fatto registrare le maggiori percentuali di resistenza dei batteri verso quasi tutti gli antibiotici.

 

Nel caso specifico i casi riscontrati all’ospedale San Camillo sono stati di lieve entità, riguardando perlopiù infiammazione della cute, otiti e congiuntiviti. In ogni caso l’ospedale segnala che è dallo scorso 27 febbraio che non si registrano nuovi casi.

Loading...
Loading...