Loading...

Spotify sotto attacco hacker: meglio cambiare password

0
Loading...
Loading...

Spotify Musica Video

Centinaia di informazioni relative agli utenti d Spotify sono state publicate online. La celebre piattaforma di streaming che consente di accedere a molti brani musicali in accordo con varie case discografiche ed etichette indipendenti, è finita nel mirino degli hacker. Tuttavia Spotify ha chiarito al portale Techcrunch che in realtà non vi è stata alcuna violazione da parte degli hacker che non hanno raggiunto i server, pertanto tutti i database sono al sicuro. Così in tal senso si è espresso Spotify in una nota ufficialke: “Spotify non è stato violato e i dati dei nostri clienti si trovano in sicurezza. Monitoriamo Pastebin e altri siti regolarmente e quando notiamo credenziali di Spotify, prima verifichiamo la loro autenticità e poi, nel caso, avvertiamo immediatamente gli utenti interessati, consigliando loro di cambiare password”. Va tuttavia sottolineato che questi account violati su Spotify non appartengono a un singolo Paese o a una lista limitata di nazioni, ma si trovano sparsi ovunque in tutto il mondo. Rimane il mistero su come sia stato possibile che centinaia di dati da parte degli utenti siano finiti online. Techcrunch approfondendo la questione ha scoperto che alcuni utenti che avevano segnalato una violazione del loro account, se ne sono accorti perchè accedendovi hanno visto nella playlist brani che in effetti non hanno mai ascoltato, alcuni invece hanno lamentato l’impossibilità di accedere al proprio account, segno patente del cambio di username e password e quindi della violazione.

 

Insomma il consiglio sempre valido in questi casi è di cambiare immediatamente la password per evitare che qualche malintenzionato possa introdursi nel nostro profilo. Ricordiamo che Spotify è stato lanciato nel 2008, il servizio registra oltre 75 milioni di utenti al 10 giugno 2015, 30 milioni dei quali sono a pagamento. Insomma si tratta di uno dei servizi più apprezzati per quanto riguarda lo streaming on demand.

Loading...
Loading...