Loading...

Esame di maturità e l’ansia degli studenti: perché è uno spauracchio inutile

0
Loading...
Loading...

Esame di maturità

Mani nei capelli, occhi cerchiati e una matita che alla luce fioca di una lampada che sempre più si confonde con le prime luci dell’alba, sottolinea paragrafi e paragrafi di un libro, uno tra i tanti ammonticchiati sulla scrivania. Immancabile ovviamente anche il computer per fare ricerche su internet. Potrebbe essere questo il ritratto di uno studente qualche giorno prima dell’esame di maturità. In ogni caso cari studenti non vi angustiate più di tanto. Vi diranno che l’esame di maturità rappresenta una tappa importante nella vostra vita, una sorta di passaggio iniziatico che vi proietterà nel mondo degli adulti. Già su questo si potrebbe discutere, ma in ogni caso state tranquilli: il numero dei maturandi respinti al termine delle tre prove scritte e degli orali si può dire che sia praticamente prossimo allo zero. Basti pensare che nel 2016 solo il 4% degli studenti non è stato ammesso agli esami e del rimanente solo lo 0,5% non è riuscito a tagliare il traguardo della maturità. Insomma non datevi pena: ormai dal 68′ in poi la scuola non applica più alcuna selezione, essere promossi è diventato un diritto più che un merito. Quest’anno saranno circa 500mila gli studenti impegnati nelle prove di Maturità 2017. Riguardo al toto-tracce per gli esami tenete conto che quest’anno ricorre il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma, i 25 anni dalla morte di Falcone e Borsellino, i 50 dalla morte di Che Guevara e i 100 anni dalla nascita di John Fitzgerald Kennedy.

 

Per quanto riguarda il saggio breve e l’analisi del testo, sempre stando al toto-tracce in rete, si ipotizza che possano uscire temi relativi ad Umberto Saba e a Ugo Foscolo. Tra i temi di attualità purtroppo non è possibile escludere il terrorismo e l’Islam, fenomeni tristemente attuali che connotano il nostro tempo.

Loading...
Loading...