Loading...

Colpo di calore: come intervenire?

0
686
Sole
Loading...
Loading...

Sole

A detta dei meteorologi questa del 2017 sarà un’estate molto calda con le temperature che potranno superare la media anche di uno o due gradi. Le temperature superiori alla media possono rappresentare un problema soprattutto per anziani e bambini. Vediamo come cautelarci. Intanto è bene evitare di stare in giro nelle ore più calde della giornata, in particolare a partire dalle 12 e rimandare quindi tutto nel pomeriggio dopo le 16. E’ importante vestirsi in modo adeguato: è preferibile indossare abiti chiari, possibilmente in cotone e dai colori chiari. Indossate un cappello prima di uscire per proteggervi dai raggi solari. Per evitare il rischio disidratazione bevete almeno 1,5 2 litri di acqua al giorno. E’ molto importante anche consumare abbondanti porzioni di frutta, in particolare di anguria, che ci aiuta a recuperare gli importanti sali minerali persi con la sudorazione. La raccomandazione vale soprattutto per le persone anziane, che sentendo meno lo stimolo della sete, sono portate a bere di meno. In casa per mantenere l’aria fresca installate un deumidificatore più utile rispetto a un condizionatore. Inoltre utilizzate una protezione solare. Il colpo di calore si manifesta con un’alta temperatura corporea che può raggiungere anche i 41-43 gradi. La pelle è calda e secca al tatto, inoltre si accompagna a vertigini, mal di testa, agitazione, aggressività, allucinazioni che possono comportare anche la perdita di coscienza e quindi lo svenimento se la pressione si abbassa eccessivamente. Si interviene facendo sdraiare la persona sulla schiena e tenendole le gambe sollevate. Per fare abbassare la temperatura è necessario condurre la persona in un luogo freesco e ventilato, eliminare gli abiti, immergere la persona colpita da colpo di calore in acqua fredda massaggiandone la pelle oppure esporla a un ventilatore, avendo cura contemporaneamente di strofinare la pelle con una soluzione salina alcolica ghiacciata.

 

E’ utile anche dare da bere dell’acqua non ghiacciata a piccoli sorsi ed applicare un panno imbevuto di acqua fresca sulla fronte.

Loading...
Loading...