Loading...

Emergenza Sud: Mezzogiorno sempre più a rischio povertà

0
401
Povertà dati eurostat 2017
Loading...
Loading...

Povertà

Stando ai dati diffusi dalla Cgia di Mestre sul fronte della ripresa economica, emerge in maniera sempre più drammatica una forbice netta tra Sud e Nord. La Cgia di Meste in particolare ha posto a confronto gli indicatori relativi al Pil pro capite, al tasso di occupazione, al tasso di disoccupazione e al rischio povertà o esclusione sociale. Tenendo conto del Pil procapite il Nord sopravanza il Sud di quasi 14.905 euro: 32.889 euro nelle tasche dei settentrionali rispetto ai 17.984 dei meridionali. Nello specifico le variazioni più significative si sono registrate in Sardegna (-2,3%), Sicilia (-4,4), Campania (-5,6) e Molise (-11,2). Buona, invece, la situazione della Basilicata (+0,6 per cento) e della Puglia (+0,9). Le cose non vanno meglio se si considera il mercato del lavoro: nel 2007 la differenza era di 7,5 punti percentuali, nel 2016 è arrivata a 12, per  cui si è registrato un gap complessivo pari a +4,5%. Risaltano in negativo i dati della Campania e della Sicilia che presentano entrambe un +9,2% e della Calabria con un +12. Anche per quanto riguarda il rsichio di esclusione sociale, i dati rimarcano la differenza tra Sud e Nord. Se nel 2007 la percentuale di popolazione a rischio povertà nel Sud raggiungeva il 42,7%, nel 2015 che è l’ultimo dato disponibile a livello regionale, è salita al 46,4. In pratica quasi un meridionale su due si trova ad affrontare gravi difficoltà economiche. Al Nord, invece, la soglia di povertà è passata dal 16 al 17,4%. In definitiva quindi il gap in questi 8 anni è aumentato  di 2,2 punti percentuali.

 

Insomma i dati evidenziano uno scollamento sempre più pronunciato tra le regioni del Nord ed quelle del Sud, come se non facessero parte di un medesimo Stato.

Loading...
Loading...