Loading...

Robert De Niro e il ricordo del padre pittore a cui dedica un documentario

0
432
Loading...
Loading...

Diceva Nietzche che il figlio è spesso il segreto svelato del padre. Robert De Niro, l’attore che tutti conosciamo, accettando l’invito della Fondazione Cinema per Roma, ha deciso di presentare uin anteprima europea il documentario su suo padre, il pittore Robert De Niro Senior, morto nel 1993 per un cancro alla prostata.

Remembering the Artist Robert De Niro, Sr”, questo il titolo del documentario, di Perri Peltz e Geeta Gandbhir, in collaborazione con Mazda e su gentile concessione di HBO e Sky Arte HD, dedicato alle opere di Robert Sr, De Niro,  è un tributo al padre per farlo conoscere a figli e nipoti: “Voglio che sappiano che grande artista sia stato Robert De Niro Sr. Avrei dovuto realizzare il film già dieci anni fa, ora sono contento di condividerlo con il mondo“.

L’attore racconta che suo padre fu uno dei pittori figurativi newyorkesi di maggior talento nel secondo dopo guerra, che tuttavia non ottenne la considerazione artistica che meritava a causa del sopravvenire di nuovi movimenti come la pop art e il Minimalismo. Tuttavia De Niro precisa che suo padre continuò ad esprimere il suo sentire interiore attraverso la pittura senza adeguarsi alle mode artistiche imperanti di allora, questo gli procurò minori consensi ma senz’altro gli consentì di rimanere fedele a se stesso, la cui esprimendo la stessa autencità anche sulla tela.

E’ lo stesso De Niro a sottolinearlo: “Il successo dipende da tanti fattori si può essere grandi artisti ma non è detto che si ottengano i riconoscimenti che ci si aspetta. Mio padre li ha ottenuti dai suoi pari ma non è mai arrivato ai livelli che meritava“. L’attore racconta anche alcuni episodi doloros idella vita privata del padre, come quello della malattia, il cancro alla prostata che lo avrebbe condotto alla morte nel 1993.

Gli è rimasto un senso di colpa per non aver insistito a sufficienza per”costringerlo” a curarsi: “Ho il rimpianto di non averlo sufficientemente spinto a curarsi il cancro alla prostata. Lui si rifiutava, era terrorizzato, e io ero distratto dal lavoro… Se avessi insistito, forse sarebbe vivo“. Insomma prima o poi nella vita per capire chi siamo capita di volgerci indietro nel ricordo di nostro padre, perché per riprendere NietzcheQuello che era silente nel padre parlavanel figlio; e spesso ho trovato nel figlio il segreto svelato del padre“.

Loading...
Loading...