Loading...

Salvata la vita al “bambino farfalla”

0
Loading...
Loading...

Sala Operatoria

A causa di una terribile malatia genetica, la epidermolisi bollosa, la pelle dei bambini diventa fragile come le ali di una farfalla. Deriva da un difetto di un gene, a causa di ciò manca una proteina per cui l’epidermide non può legarsi al derma sottostante, con la conseguenza che la pelle si sfarina, cade. Grazie a una delicata operazione a cui si è sottoposto uno di questi bambini in Germania nel 2015, oggi ha nove anni e può vivere una vita normale come tutti i suoi coetanei: va a scuola e gioca a pallone. Il bambino di origine siriana era scappato con i suoi genitori in Germania, ma le sue condizioni di salute si sono aggravate. Il piccolo Hassan è stato sottoposto a due operazioni: la prima a ottobre e la seconda nel novembre del 2015. L’intervento è stato eseguito nell’Università tedesca della Ruhr a Bochum. Anche l’Italia ha dato un contributo importante in questa vicenda: la pelle è stata rigenerata dal gruppo di Michele De Luca, del dipartimento di Medicina rigenerativa ‘Stefano Ferrari’ dell’universita’ di Modena e Reggio Emilia. Le cellule dopo essere state prelevate in un’area della pelle in cui non vi erano vesciche, sintomo specifico della malattia, sono state quindi coltivate in laboratorio per ottenere lembi di pelle compresi tra 50 e 150 centimetri quadrati.

 

Fatto ciò sono state trapiantate nel bambino, come detto, in due interventi distinti, in ottobre e nel novembre del 2015. L’intervento è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Loading...
Loading...