Loading...

Spezzi le pasticche prima di prenderle? Sbagliato, ecco cosa rischi

0
305
Farmaci pillole spezzettate
Loading...
Loading...

Farmaci pillole spezzettate

L’abitudine, invero piuttosto diffusa, di spezzettare le pasticche prescritte dal medico, o addirittura di tritarle, è del tutto deleteria. Spesso vi ricorrono i pazienti anziani che hanno difficoltà di deglutizione. A ricordare che si tratta di una pratica sbagliata che può comportare una riduzione dell’efficacia della terapia ed anche un aumento del rischio degli effetti collaterali, sono i medici della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg), che si sono riuniti a Napoli per il congresso nazionale. In particolare la divisione delle pillole risulta diseguale in un caso su tre, anche quando si utilizza uno strumento di precisione quale il taglia-pillole. Agendo in questo modo la quantità di farmaco che si assume si può discostare anche di un buon 15% rispetto a quella prescritta. In particolare così spiega il dottore Nicola Ferrara, presidente Sigg: “Dividere le pillole è sempre fonte di errori. L’imprecisione è inevitabile soprattutto negli anziani che hanno spesso difficoltà visive o problemi articolari alle mani. Non parliamo poi di quando la pastiglia viene triturata. Non perderne una parte consistente è praticamente impossibile. Un’operazione che viene spesso estesa a tutte le medicine prescritte, mescolate in un’unica soluzione. Un mix che può provocare rischi di interazione fra principi diversi e fenomeni di irritazione delle vie aeree a causa dell’inalazioni delle polveri”.

 

Insomma il consiglio base che i geriatri rivolgono agli anziani è di evitare di ricorrere a questi spezzettamenti di pillole e pasticche. Piuttosto si potrebbe mettere la pastiglia in un alimento di consistenza semisolida quali un budino o lo yogurt per deglutirla più facilmente.

Loading...
Loading...