Tumore al seno metastatico, al via la seconda edizione di “Voltati. Guarda. Ascolta.”

0
28

Tumore MammellaE’ partita nella giornata di oggi domenica 11 febbraio 2018 la seconda edizione della della campagna di sensibilizzazione riguardante le donne affette dal tumore metastatico al seno: “Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico”. La campagna è promossa da Pfizer con Europa Donna Italia e Susan G. Komen Italia. Nella prima edizione che si è svolta nel 2017 le donne attraverso canali tradizionali quali la radio e innovativi quali il web e i canali social hanno fatto conoscere le loro storie di lotta e di coraggio contro questa malattia. In particolare così si è espressa Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia: “Il successo registrato dalla campagna ‘Voltati. Guarda. Ascolta.’ e la grande partecipazione delle pazienti dimostrano che si tratta di uno strumento efficace che aiuta le donne a uscire dall’isolamento e offre loro l’opportunità di esprimersi, di essere ascoltate, di raccontare la loro esperienza di vita  possiamo dire con soddisfazione che sta finalmente cominciando a crearsi quella solidarietà e consenso sociale che rappresentano una leva importante per la nostra richiesta dell’istituzione di una ‘Giornata Nazionale’ dedicata alle donne con tumore al seno metastatico”. Fino al 31 marzo prossimo le donne potranno inviare le loro esperienze a www.voltatiguardaascolta.it. Tutti i racconti saranno pubblicati, ma una giuria selezionerà tre racconti delle pazienti allo scopo di diffonderli tramite libretti formato ‘mille lire’ e audio-racconti letti da attrici professioniste. Ma quali sono i progressi compiuti negli ultimi anni nella lotta al cancro metastatico o avanzato al seno? Per il carcinoma mammario metastatico è disponibile anche in Italia il farmaco palbociclib, che in grado di prolungare la vita delle pazienti.

loading...

Nel caso di tumore metastatico, ovvero quando le cellule tumorali si sono diffuse in altre sedi tramite le vie linfatiche e sanguigne rispetto a quella originaria del tumore, l’obiettivo è di riuscire a tenere sotto controllo questa forma di tumore, che è particolarmente aggressiva.