Scabbia, emergenza in ospedale: sintomi e cura

0
24

muore per scambio provetteA Ciriè, in provincia di Torino, è emergenza scabbia. Stando a quanto si apprende, nel reparto di Neurologia dell’ospedale si sarebbero verificati dei casi di scabbia che hanno riguardato 3 operatori sanitari e 6 infermieri del reparto. La notizia è stata riportata da La Stampa. Questa la nota diffusa da Giuseppe Summa, il segretario territoriale del sindacato Nursind: “Con l’organico rimasto non sarà possibile garantire in sicurezza l’assistenza ai ricoverati né tanto meno si può continuare a chiedere al personale, oramai esausto, di prolungare il turno di lavoro anche a dodici ore”. Ed ancora: “gravità inaudita è che gli infermieri e gli oss assenti siano stati integrati con una sola unità di supporto. Questo, nonostante il carico assistenziale sia ulteriormente aggravato dalla necessità di dover trattare i degenti presenti con bagni a letto, come vuole una direttiva ministeriale”. La scabbia è una delle tra le malattie della pelle più comune tra i bambini. Si tratta di una patologia dermatologica causata da un acaro, Sarcoptes scabiei hominis, che si manifesta con un forte prurito soprattutto di notte quando si è sotto le lenzuola perché l’attività degli acari aumenta in presenza di calore. A livello della pelle si possono presentare macchie rosse che sono causa di piaghe e croste se vengono grattate. Il contagio avviene attraverso il contatto stretto e prolungato. La scabbia si cura mediante l’applicazione per via topica di creme e lozioni a base di benzoato di benzile.

Inoltre è necessario procedere a un accurato lavaggio di asciugamani, biancheria e indumenti e anche degli oggetti con cui viene a contatto la persona infetta.

loading...