Loading...

Nipah Virus: per L’Oms è tra le malattie più pericolose al mondo

0
Loading...
Loading...

Pipistrello

Non ce ne rendiamo conto in quanto non sono visibili ad occhio nudo, ma siamo letteralmente circondati da virus e batteri. Tuttavia alcuni virus invece risultano patogeni per l’uomo, per cui in determinate circostanze possano dar luogo anche a una epidemia. In questo senso nello Stato meridionale di Kerala, in India, vi sarebbero state 9 vittime causate dal Nipah, un virus che risulta presente nei pipistrelli della frutta. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità quella causata dal virus è una delle otto patologie emergenti da considerare più pericolose sul pianeta. In particolare K.K. Shylaja, il ministro della sanità del Kerala, ha dichiarato di aver chiesto il supporto da parte del governo centrale per far fronte a quella che si potrebbe rivelare come una possibile epidemia. Al momento sono otto i pazienti in osservazione in diversi ospedali.

Virus Nipah: cos’è il virus tramesso dai pipiitsrelli

Il virus appartiene alla famiglia Paramyxoviridae. I vettori di questo agente infettivo sono i pipistrelli della frutta (genere Pteropus). L’infezione si trasmette all’uomo o attraverso il contatto diretto con la saliva e gli escrementi di questi animali oppure con i cibi contaminati. I pipistrelli inoltre possono trasmettere il virus anche a ospiti intermedi, ad esempio i maiali, che quindi a loro volta possono veicolare il virus all’essere umano. La malattia è endemica nell’Asia meridionale. In passato si sono verificati sporadici focolai epidemici in Malesia a Singapore, in India e Bangladesh. Il virus che presenta un periodo di incubazione di circa 4-20 giorni si manifesta con sintomi quali febbre, malessere, cefalea, mal di gola, nausea e vomito.

 

Nei casi più gravi può svilupparsi l’encefalite ed in oltre il 20% dei pazienti che sopravvivono all’encefalite si assiste a dei postumi neurologici che si manifestano con convulsioni e alterazioni della personalità. Allo stato attuale non esistono trattamenti antivirali per questa malattia.

Loading...
Loading...