Loading...

Scoperto nuovo farmaco per la cura della malaria recidivante

0
Loading...
Loading...

Batteri ulcera del Butuli

La Food and drug administration, l’ente governativo statunitense che regolamenta i prodotti alimentari e farmaceutici, ha approvato un nuovo farmaco per la cura della malaria recidivante. Il farmaco approvato si chiama Krintafel, il cui principio attivo è la tafenoquina. Si tratta di un medicinale sviluppato dalla GlaxoSmithKline, la multinazionale farmaceutica britannica. E’ il primo nuovo farmaco dopo oltre 60 anni contro la malaria ricorrente. La tefenoquina è in grado di eliminare il parassita che causa della malattia. Il plasmodio può nascondersi nel fegato dove rimane silente per settimane o mesi. Il principio attivo di questo nuovo farmaco spinge il plasmodio ad uscire dal sito dove si nasconde e quindi impedisce che la malattia si ripresenti. In realtà vi è già un farmaco che si chiama primachina, che tratta la malaria che si nasconde nel fegato, tuttavia va assunto per 14 giorni, mentre nel caso della tafenoquina basta l’assunzione di una sola dose. Si tratta di un vantaggio considerevolte se teniamo conto che molte persone smettono di assumere il farmaco dopo pochi giorni in quanto iniziano a stare meglio, ma ciò consente al parassita di entrare in una fase “dormiente” e quindi può riattivarsi in un secondo momento.

 

In effetti la malaria recidivante è da considerare la forma più comune di questa patologia al di fuori del’Africa subsahariana. A risultare particolarmente a rischio sono i bambini.

Loading...
Loading...