Loading...

Risonanza magnetica: nelle barbe degli uomini batteri più pericolosi per noi che nei peli del cane

0
Loading...
Loading...

E’ quanto emerge da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori svizzeri che ha posto sotto esame l’igiene delle apparecchiature mediche utilizzate per la risonanza magnetica dopo l’utilizzo congiunto delle stesse da parte sia di esseri umani che dei cani. I ricercatori hanno prelevato i batteri patogeni dalle barbe di 18 uomini e dal pelo di 30 cani, successivamente hanno verificato il grado di contaminazione batterica sullo scanner utilizzato sia dagli esseri umani che dai cani. Dai dati è emerso che tutti i 18 uomini aveva una elevata carica batterica, mentre nei cani ciò è stato riscontrato in 23 esemplari su 30. Inoltre lo studio ha messo in evidenza che i batteri patogeni risultano maggiormente presenti nella barba degli uomini (sette su diciotto) rispetto al pelo del cane (quattro su trenta). Inoltre risultati analoghi sono stati osservati anche a seguito del prelievo di campioni prelevati dalle cavità orali. Infine dalla disinfezione dello scanner i ricercatori hanno appurato che in quello utilizzato dagli uomini rimanevano molti più batteri rispetto a quelli utilizzati dai cani. In conclusione dalla ricerca pubblicata sulla rivista European Radiology, emerge che nella barba degli uomini risulta la presenza di batteri dannosi per la nostra salute in un numero più elevato rispetto a quello dei cani, per cui nel caso di utilizzo dello stesso scanner di risonanza magnetica da parte di un cane non vi sarebbero rischi sanitari. Lo studio intende altresì sensibilizzare gli operatori sanitari riguardo all’importanza dell’igiene dei dispositivi medici. L’obiettivo in questo senso è la riduzione del numero delle infezioni contratte in ambito ospedaliero.
Loading...
Loading...