Loading...

Calvizie: un profumo potrebbe riattivare i follicoli

0
417
Calvizie mela annurca
Loading...
Loading...

Calvizie mela annurca

I ricercatori della University of Manchester hanno fatto una importante scoperta che potrebbe aver rivoluzionato il trattamento della calvizie. In particolare hanno scoperto che anche i capelli possiedono dei recettori olfattivi ed in questo senso il profumo del legno di sandalo sarebbe in grado di attivarli favorendone la crescita. I ricercatori hanno utilizzato un profumo già presente in commercio, che si chiama Sandalore. Tale profumo stimola uno specifico recettore olfattivo denominato Or2at4, che svolge un ruolo importante in diverse risposte fisiologiche. I recettori dell’olfatto si trovano anche in diverse altre parti del corpo, ad esempio sulla pelle situata vicino ai folicoli piliferi, dove le cellule esprimono proprio il recettore Or2at4. Tale recettore è importante ad esempio nella riparazione della pelle a seguito ad esempio di ferite. La formazione di nuovi capelli utilizza un set molecolare simile a quello che serve a riparare le ferite. Per tale motivo i ricercatori hanno deciso di valutare l’effetto anti-calvizie del recettore Or2at4. L’aroma sintetico di legno sandalo è attirato da questo recettore, per cui hanno valutato se effettivamente potesse avere un effetto anti-calvizie. Il composto è stato utilizzato sul cuoio capelluto donato da alcuni volontari sottoposti ad interventi di lifting. Dopo 6 giorni di esposizione, hanno osservato un aumento pari al 25 30% di un ormone della crescita, che svolge una azione  importante per il ricambio pilifero. Inoltre tali composti hanno anche ritardato la morte delle cellule relative alla formazione dei capelli. Tali risultati  potrebbero quindi suggerire un allungamento delle fase di crescita dei capelli. Attualmente è in corso una sperimentazione i cui risultati si attendono per il 2019. In ogni caso prima che l’aroma di sandalo sintetico possa effettivamente essere utilizzato per contrastare la calvizie saranno necessari ulteriori studi, volti a testarne la sicurezza.

Loading...
Loading...