Loading...

Dieta, sì al pane ma va mangiato con moderazione

0
Loading...
Loading...

Pane

Nel corso del processo di cottura sulla crosta del pane si sviluppano delle sostanze che fanno invecchiare la nostra pelle. E’ quanto emerge da una ricerca condotta dal Consiglio di ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea). In particolare queste sostanze derivano dalla reazione di Maillard, che riguarda le reazioni di zuccheri e proteine durante la cottura con temperature superiori a 160-170 °C. Da questa reazione chimica deriva anche l’acrilamide, una sostanza che risulta nociva per la nostra salute, che potrebbe addirittura favorire lo sviluppo di alcune patologie tumorali. In particolare così ha spiegato Fabio Nobili, ricercatore dl Crea: “Abbiamo notato, su un modello di colture cellulari, come proprio le cellule giudichino ‘poco graditi’ i prodotti risultati da questa cottura”. Tuttavia ciò non implica che il pane sia un alimento da evitare, in questo senso Nobili spiega che: “L’importante è consumarlo con moderazione e seguendo il principio dell’alta qualità dei prodotti che sono stati usati per realizzarlo. Ciò, a cominciare dalla lievitazione, per poi passare alla provenienza della farina e alla cultivar di grano usata. Sono da preferire tutte le produzioni che prediligono la qualità delle materie prime invece che la quantità. La conoscenza del percorso della filiera di produzione garantisce inoltre la salubrità del prodotto”. Inoltre va sfatato il mito che il pane e la pasta siano alimenti da evitare se si segue una dieta dimagrante. In realtà secondo uno studio americano chi consuma una dieta a base di proteine animali al posto dei carboidrati ha un aumento del rischio di decesso pari al 12%, mentre chi sostituisce del tutto la pasta con la carne rischia il 14% in più di morire di infarto e il 28% in più di sviluppare una patologia tumorale. Lo studio che è stato pubblicato su Annals of Internal Medicine, sottolinea quindi l’importanza della pasta e del pane nella nostra alimentazione in quanto questi nutrienti forniscono all’organismo l’energia necessaria per il compimento di tutte le sue complesse funzioni.
Loading...
Loading...