Loading...

Sclerosi multipla: nuovo farmaco disponibile per i pazienti

0
Loading...
Loading...

Sclerosi Multipla

Ocrelizubam è il nuovo farmaco contro la sclerosi multipla che ha ricevuto l’approvazione da parte dell’Agenzia italiana del farmaco, pertanto nel nostro paese è a carico del sistema sanitario nazionale. Riguardo al meccanismo di azione, il nuovo farmaco attacca un target specifico di linfociti B che esprimono il recettore Cd20. Con questa nuova cura sono stati raggiunti due obiettivi ragguardevoli: il rallentamento nella progressione della malattia e la riduzione significativa delle recidive. Carlo Pozzilli, ordinario di Neurologia all’Università degli studi di Roma Sapienza, sottolinea che: “Questo farmaco inoltre viene somministrato per infusione endovenosa ogni sei mesi e non prevede la conduzione di analisi di routine tra i dosaggi. Questi aspetti ne confermano la sua grande semplicità di impiego: è un passo avanti straordinario rispetto agli approcci orali quotidiani e alle infusioni a cadenza mensile attualmente disponibili”. Giancarlo Comi, direttore del Dipartimento di neurologia e dll’Isittuto di neurolgia sperimentale, Università Vita Salute aggiunge che: “Grazie a questo farmaco abbiamo acquisito due vantaggi: per la prima volta abbiamo uno strumento per affrontare precocemente la forma di malattia che è acuta fin da subito, che colpisce solo una piccola parte dei pazienti ma per la quale non avevamo nulla”. “Il secondo vantaggio è quello di avere a disposizione uno strumento che ha un ottimo profilo di efficacia e di sicurezza che può essere usato anche nella forma di malattia più diffusa”. Mario Alberto Battaglia, direttore generale Aism (Associazione italiana Sclerosi multipla) auspica che questo farmaco innovativo venga messo nella concreta disponibilità dei pazienti fin da subito senza che via sia alcuna disparità tra le regioni, che dovranno impegnarsi a inserire anche i farmaci più innovativi nel trattamento di un paziente affetto da Sm.

Loading...
Loading...