Loading...

Morbillo, il post del pediatra su facebook diventa virale

0
Loading...
Loading...

Morbillo

All’ospedale Giovanni Paolo XXIII di Bari sono stati diagnoticati 8 casi di morbillo. Ancora non è stato verificato con certezza se il virus causa della malattia sia stato diffuso dalla bambina di 10 anni non vaccinata dai genitori. Di questi otto, cinque pazienti sono minorenni e due sono stati già dimessi, altri tre risultano ancora ricoverati ma sono in ripresa. Tre adulti invece sono tuttora ricoverati nel reparto di malattie infettive del Policlinico di Bari.

Morbillo: si riapre la questione dei vaccini

Nonostante fonti interne della direzione sanitaria del Policlinico parrebbero escludere che i casi di morbillo siano tra loro collegati, la vicenda e non poteva essere altrimenti, ha nuovamente riportatato all’attenzione dell’opinione pubblica la questione dei vaccini. In particolare un post pubblicato su facebook da Antonio Di Mauro, un pediatra della Asl di Bari, in poche ore è diventato virale.  Riguardo alla vaccinazione il dottore scrive che: “La vaccinazione è infatti un atto di protezione per se stessi ma è anche un atto di solidarietà verso il prossimo. Cancelliamo dal nostro vocabolario  “IMMUNITA’ DI GREGGE” che agli occhi di chi ascolta ci fa sembrare tutte PECORE SENZA CERVELLO… e introduciamo la parola “IMMUNITA’ SOLIDALE” che invece ci fa apparire tutti UOMINI CON UN CUORE”.

Ecco il post integrale pubblicato dal pediatra su facebook:

Non chiamiamola più Immunità di Gregge. Chiamiamola IMMUNITA' SOLIDALE.Vi spiego il perché…Mamme e papà, medici e…

Pubblicato da Antonio Di Mauro su Domenica 11 novembre 2018

Loading...
Loading...