Loading...

Muore per un tumore: rilascia radiazioni durante la cremazione

0
31
Cremazione radiofarmaco
Loading...
Loading...

Cremazione radiofarmaco

Un uomo di 69 anni affetto da un raro tumore al pancreas è stato trattato con un radiofarmaco lutezio-177, per distruggere le cellule tumorali. L’uomo tuttavia è deceduto. Pochi giorni dopo, l’impresa funebre rispettando la sua volontà, ha provveduto a cremarlo. Tuttavia i parenti non avevano avvertito i dipendenti che il loro congiunto pochi giorni prima era stato trattato con un farmaco “radioattivo”. Il caso si è verificato negli Usa, in Arizona. La questione è molto dibattuta negli Stati Uniti dove il tasso di cremazione risulta superiore al 50%. In particolare la cremazione dell’uomo morto per cancro che è avvenuta alcuni giorni dopo, ha prodotto la contaminazione radioattiva del forno. Tuttavia a seguito delle analisi a cui sono stati sottoposti gli addetti, non sono state scoperte tracce del lutezio-177, bensì di altri radiofarmaci, in particolare del tacnezio, che potrebbero derivare da altri deceduti sottoposti a cremazione nei giorni precedenti. I ricercatori americani una volta venuti a conoscenza del caso, hanno chiesto se esistesse una specifica regolamentazione riguardante la cremazione delle persone curate con radiofarmaci. La regolamentazione allo stato attuale non esiste. Lo studio condotto dal Dipartimento di Oncologia delle radiazioni della Mayo Clinic di Phenix, in Arizona pubblicato sul Journal of the American Medical Association evidenzia che saranno necessari altre ricerche per verificare l’esistenza di una relazione tra la contaminazione da radiazioni e gli effetti sulla salute dei dipendenti dei forni crematori a causa di una esposizioone ripetuta o a lungo termine.

Loading...
Loading...