Loading...

Scarlattina: le cose da sapere su questa malattia infettiva

0
Loading...
Loading...

Scarlattina

La scarlattina è una malattia infettiva esantematica causata dallo Streptococco beta emolitico di gruppo A, il cui nome scientifico è Streptococcus Pyogenes. A differenza delle altre malattie esantematiche quali la rosolia, il morbillo, etc. non deriva quindi da un virus, ma da un batterio. Si tratta di una malattia tipica dell’età pediatrica in quanto riguarda soprattutto i bambini in età scolare. La fascia di età più colpita in particolare va dai 3 a i 10 anni.

Scarlattina: come si trasmette

La scarlattina si trasmette molto facilmente in quanto basta un contatto con le secrezioni organiche della persona malata, quali muco o saliva. Lo scambio di goccioline infette mentre si parla, si starnutisce o si tossisce rappresentano il veicolo privilegiato per la trasmissione di questa malattia infettiva.

Per trasmetterla non è necessario esserne ammalato, già i portatori sani possono veicolarla. Il contagio può verificarsi già uno o due giorni prima che la scarlattina entri nella sua fase acuta, ovvero quando compaiono i sintomi. L’incubazione in media dura da 2 a 5 giorni, dopdichè i primi sintomi compaiono nel breve giro di 24-48 ore.

Scarlattina: sintomi

La scarlattina generalmente si manifesta con i seguenti sintomi: mal di gola,vomito, febbre, brividi e mal di testa. La lingua inoltre tende a coprirsi di una patina biancastra che poi tende ad assumere una colorazione tendente al rosso fragola. Dopo altri due giorni compare invece l’esantema, ovvero la comparsa di un arrossamento generalizzato sul viso, ad eccezione della zona intorno intorno agli occhi e al naso. Si tratta di macchie rosse puntiformi. La diagnosi di scarlattina si ha con certezza col tampone faringeo.

Scarlattina: come si cura

La scarlattina che è causata da un batterio va trattata con una terapia antibiotica. Mentre se la febbre supera i 39 gradi, oltre all’antibiotico, il pediatra potrebbe somministrare anche un paracetamolo per  attenuare la sintomatologia.

Loading...
Loading...