Loading...

Sfama gatti randagi: anziana condannata a 10 giorni di carcere

0
31
Donna gatto
Immagine di repertorio
Loading...
Loading...
Donna gatto
Immagine di repertorio

A Roma le chiamano le gattare. Si tratta di un termine entrato a far parte del gergo comune che  indica quelle persone, nella maggior parte dei casi donne, che si occupano di curare e nutrire i gatti randagi. Le gattare però non hanno nazionalità. Il caso americano di cui accingiamo a darvi conto ne è la conferma. Questa vicenda è stata raccontata dalla Cnn. Siamo a Garfield Heights, nell’Ohio“. In questa città dell’Ohio una ordinanza vieta di dare da mangiare a cani e gatti randagi. La signora Nancy Segula che ha 79 anni può definirsi una gattara nel senso più pieno del termine: fino a qualche giorno fa davanti alla sua casa si radunava una piccola colonia di felini, in attesa che lei portasse loro da mangiare.

Tuttavia a quanto pare i vicini non gradivano troppo e anzi dal 2015 in poi hanno iniziato una battaglia legale nei suoi confronti accusando la signora di avere troppi animali e di non smaltire i rifiuti che spesso venivano trovati nei cortili proprio dei vicini. L’anziana è stata intervistata dai media locali a cui ha dichiarato che pensava di non far nulla di male dando da mangiare ai gatti randagi che la facevano sentire un po’ meno sola dopo la morte del marito.

Alla fine l’hanno spuntata i vicini: la donna che ha già pagato 2000 euro di multa dovrà passare 10 giorni in carcere. La prigione però le sembra un po’ troppo: “Non sapevo che ci fosse una legge. Ci ho messo un po’ di tempo a capirlo”.

Loading...
Loading...