Loading...

Cliente trova qualcosa nella birra che non indovinereste mai

0
64
Birra alla vagina
Loading...
Loading...

Birra alla vagina

Il cliente trova nella sua birra un pezzo di vetro affilato come un rasoio. Oltre al luppolo e al malto ingredienti tipici di questa bevanda, il cliente Coop aveva nella sua bottiglia Birra Moretti anche un pezzo di vetro affilato come un rasoio. I rivenditori Coop e i produttori Heineken si scusano.

Diversi centimetri di grandezza e affilati come rasoi: questo pezzo di vetro galleggiava in una bottiglia di Birra Moretti che un cliente ha acquistato da Coop. Su Twitter sfoga la sua rabbia per il pericoloso corpo estraneo: “Non te lo aspetti in una birra”, scrive lì in inglese e sottolinea la sua rabbia con due emoji arrabbiati. Il rivenditore risponde tramite il servizio di SMS, sempre in inglese: “Siamo molto dispiaciuti”.

Coop vuole chiarire il “problema molto serio”, motivo per cui il cliente dovrebbe per il momento conservare la bottiglia di birra. “Alta qualità e prodotti impeccabili hanno la massima priorità in Coop”, afferma la portavoce di Coop Melanie Grüter a “20 minuti”. Coop fa riferimento anche al produttore: “I nostri fornitori sono legalmente e contrattualmente obbligati a rispettare i nostri requisiti di qualità, regolamenti e standard di settore”.

Coop coglie il feedback dei clienti come un’opportunità per contattare i produttori del marchio. Coop acquista Birra Moretti da Heineken Svizzera, che produce birra a livello nazionale. I responsabili di Heineken Svizzera non sono a conoscenza del vetro rotto che è apparso nella bottiglia sabato mattina. Solo dopo una richiesta di 20 minuti il ​​birrificio avvia un’indagine. “Siamo consapevoli dell’incidente e il nostro team ci sta lavorando con la massima priorità. Poiché monitoriamo e documentiamo continuamente tutte le fasi della produzione, siamo fiduciosi che saremo in grado di chiarire presto il caso”, afferma Antonio Govetosa, Direttore di Affari Societari presso Heineken Svizzera. “Ad oggi, presumiamo che si tratti di un deplorevole caso isolato”.

L’azienda, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non è attualmente in grado di rispondere in modo definitivo se le misure di controllo sulla sicurezza alimentare siano fallite. “Tutti abbiamo i più alti standard e requisiti di sicurezza e qualità e siamo certificati in modo indipendente per questo. Durante il processo, i prodotti vengono controllati più volte, sia tecnicamente che sensorialmente, prima che lascino il birrificio. Non c’è praticamente spazio per errori”, dice Govetosa.

Loading...
Loading...