Loading...

Cervelletto: scoperta nuova funzione

0
3
Cervello
Loading...
Loading...

È stata scoperta una nuova funzione del cervelletto finora sconosciuta.

Cervello

Il cervello è un organo vitale nel sistema umano che orchestra fondamentalmente tutte le funzioni che svolgiamo consciamente e inconsciamente ed è così sviluppato e interconnesso da essere permanentemente attivo, anche quando dormiamo. Ogni struttura che lo compone è altamente specializzata in determinate attività dell’organismo, come il linguaggio, la vista, il gusto, la memoria, il movimento, le emozioni, l’equilibrio, la coordinazione e… in breve, tutte le funzioni che sono coinvolte nell’organismo.

Nonostante le conoscenze che abbiamo oggi sul cervello, non sappiamo ancora tutto al riguardo. A riprova di ciò, recenti ricerche di neuroscienziati dell’Università di Basilea (Svizzera), hanno scoperto che il cervelletto, situato nella parte posteriore del cervello, svolge un ruolo chiave fino ad allora sconosciuto. Il cervelletto è una parte del cervello che è molto ben riconosciuta per svolgere un ruolo chiave nel controllo delle funzioni motorie, e ora si è scoperto che ha anche un controllo molto importante sulla memoria delle esperienze emotive, sia positive che negative. Questo è chiamato “memoria potenziata per l’eccitazione emotiva”, riferiscono i ricercatori nel loro studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS).

Una maggiore memoria dell’eccitazione emotiva è particolarmente importante perché contribuisce alla nostra sopravvivenza consentendoci di ricordare sia le situazioni pericolose da evitare in futuro, sia i momenti in cui prosperiamo, avendo un valore adattivo unico. In precedenza era ben stabilito che strutture come l’amigdala e l’ipotalamo sono fortemente attivate durante il consolidamento della memoria dell’eccitazione emotiva, tuttavia, non c’erano prove scientifiche a sostegno del fatto che il cervelletto avesse un ruolo durante tale processo, quindi la sua importanza è stata sottovalutata.

Tuttavia, i ricercatori in questo studio hanno stabilito che valeva la pena indagare sul ruolo che il cervelletto potrebbe svolgere in questo tipo di memoria cosciente che si basa sull’eccitazione emotiva delle esperienze. Ciò è principalmente dovuto al fatto che ci sono prove che “le uscite dal cervelletto sono dirette non solo alle aree motorie, ma anche a varie regioni non motorie coinvolte nelle funzioni cerebrali superiori, comprese le emozioni e la cognizione”, spiegano i ricercatori.

Per determinare il ruolo svolto dal cervelletto nel consolidamento di questi ricordi emotivi, è stato condotto uno studio su larga scala utilizzando la risonanza magnetica funzionale di 1.418 partecipanti. Questa tecnica ha permesso di registrare l’attività cerebrale degli individui mentre osservavano immagini emotive, alcune positive, altre negative e neutre. Un test di memoria eseguito successivamente su ciascuno dei partecipanti ha mostrato che, come previsto, gli individui ricordavano le immagini positive e negative molto meglio di quelle neutre. Inoltre, hanno scoperto che il consolidamento di queste immagini emotive era legato a una maggiore attività nelle aree cerebrali previste, come l’ipotalamo e la ghiandola pituitaria, ma sorprendentemente il cervelletto era anche molto più attivo durante questi periodi.

Allo stesso modo, è specificato in EurekAlert! che i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che durante il consolidamento di questo tipo di memoria, il cervelletto riceveva informazioni dal giro cingolato, una regione del cervello importante nella percezione e valutazione dei sentimenti, e inviava anche segnali all’amigdala e l’ipotalamo. Ciò dimostra che, rispetto a quanto si riteneva in precedenza, l’ipotalamo gioca effettivamente un ruolo centrale nella conservazione di questo tipo di memoria emotiva, facendo parte di una rete di diverse aree del cervello necessarie per questo processo. “Questi risultati estendono la nostra comprensione del ruolo del cervelletto in complessi processi cognitivi ed emotivi e possono essere rilevanti per comprendere i disturbi psichiatrici con circuiti emotivi aberranti, come il disturbo da stress post-traumatico o il disturbo dello spettro autistico”, concludono i ricercatori.

Loading...
Loading...