Loading...

Amanti diabolici si liberano del rivale: cadavere carbonizzato nel bosco

1
Loading...
Loading...

Carabinieri

I carabinieri di Treviso questa notte hanno sottoposto al fermo di polizia giudiziaria una donna e un uomo in quanto fortemente indiziati di aver ucciso un uomo, il cui corpo è stato trovato ieri a Possagno, un paese in provincia di Treviso. A poche ore dal delitto i carabinieri sarebbero quindi riusciti a ricostruire quanto accaduto. In pratica stando a quanto è stato accertato dagli agenti, il delitto sarebbe avvenuto nella scorsa fine settimana nel Bassanese e poi il cadavere sarebbe stato trasportato a Possagno. Il movente che avrebbe spinto la coppia di amanti all’assassinio dell’uomo sarebbe da ricondurre a motivi passionali. A guidare gli inquirenti alla risoluzione del caso, un episodio accaduto domenica scorsa. Una coppia a bordo di una automobile dopo essere rimasta in panne proprio nel luogo del ritrovamento del cadavere, chiede aiuto presso una officina. Intanto il titolare dell’autofficina a cui i due chiedono di riparare l’auto, nota un particolare piuttosto strano: proprio vicino a dove l’auto è finita in panne, sotto alle pietre si sprigiona del fumo. Lì per lì il carrozziere però non ci fa più di tanto caso, pensa che sul posto poco prima qualcuno avrà improvvisato una grigliata.

 

A far scattare l’allarme ed avvertire quindi il 118 sono due fratelli boscaioli di Possagno che sulla stretta strada sterrata in valle della Gheda vedono uno sciame di mosche volare tutt’intorno a un cumulo di pietre, da cui si intravedono delle ossa. Dai sassi emerge quindi il cadavere di un uomo, di età approssimativa tra i 30 e 40 anni, alto circa un metro e settanta che presenta il cranio fracassato e anche sul petto e sull’addome vi sono evidenti segni di ferite inferte con un’arma da taglio.

Loading...
Loading...

1 Commento