Loading...

Diagnosi tumori: potrebbe bastare un test del sangue

0
446
Ricerca medica
Loading...
Loading...

Ricerca

Una diagnosi tempestiva è fondamentale per quanto riguarda le patologie a rapida evoluzione soprattutto nel caso si tratti di tumore. Quanto prima avviene la diagnosi tanto più è possibile iniziare tempestivamente le cure. In particolare l’ulìtima frontiera della scienza in fatto di tumori riguarda la messa a punto di un test del sangue che consenta di scovare una patologia tumorale ai suoi primissimi stadi. In effetti è possibile individuare la presenza dei tumori sequenziando i frammenti dei geni che provengono dalle cellule tumorali circolanti nel torrente sanguigno. In particolare questo progetto ha trovato quali finanziatori due magnati nel campo dell’informatica e dell’e.commerce che non è la prima volta che finanziano ricerche di questo tipo: Bill Gates e Jeff Bezos. In particolare “Illumina” che è la più grande azienda che produce apparecchi sofisticatissimi per mappare il DNA, ha annunciato di aver fondato una nuova società che avrà proprio il compito di mettere a punto un test per individuare il cancro alle sue prime manifestazioni. La società che si chiama Grail, grazie all’investimento di Gates e Bezos potrà contare su fondo da 100 milioni di dollari. Jay Flatley, amministratore delegato di Illumina e presidente del consiglio di Grail, ha espresso fiducia riguardo alle prospettive aperte da questo nuovo progetto: “Grazie alla diagnosi precoce del cancro in soggetti asintomatici, ci proponiamo di ridurre la mortalità per tumore in maniera massiccia, individuano la malattia in uno stadio curabile”.

 

Il lavoro richiederà circa due anni e quindi il test se tutto andrà bene potrà essere in commercio nel 2019. Se i costi del sequenziamento scenderanno il prezzo del’esame si aggirerà intorno ai 500 dollari e quindi se così fosse sarebbe alla portata anche di singoli privati.

Loading...
Loading...