Loading...

Infezioni ospedaliere uccidono più degli incidenti stradali: Toscana all’avanguardia

0
Loading...
Loading...

infezioni ospedaliere

Sembra un paradosso eppure è proprio in ospedale che si sviluppano i batteri resistenti alle infezioni. In particolare dall’incontro che si è tenuto a Roma lo scorso 31 gennaio è emerso un dato piuttosto drammatico: infezioni contratte in ambito ospedaliero fanno più vittime degli incidenti stradali. Questi i dati: 3.419 le vittime di incidenti stradali nel 2015, da 4.500 a 7 mila i morti stimati per infezioni contratte in ospedale. Ogni anno a contrarre queste infezioni è circa il 5-8% dei pazienti ricoverati. Detto in altri termini si verificano dai 450mila ai 700mila casi dovuti soprattutto a infezioni urinarie, seguite da quelle derivanti dalle complicanze delle ferite chirurgiche, polmoniti e sepsi. Tuttavia la regione Toscana presenta un trend nettamente positivo rispetto alle altre regioni italiane, in quanto prevede una diffusione della medicazione antimicrobica nelle Unità di terapia intensiva, pari all’80% rispetto al 10% registrato a livello nazionale. In questo senso così ha spiegato Adriana Paolicchi, direttore Anestesia e terapia del dolore azienda ospedaliera universitaria Pisana, nel corso del convegno ‘Campagna 3 a 0 contro le infezioni’ a Pisa:” Un team aziendale dedicato agli accessi vascolari permette di centralizzare le attività di posizionamento e gestione degli accessi vascolari a media e lunga permanenza, garantendo un’offerta coordinata, razionale e ottimale sotto gli aspetti tecnologici, economici ed educazionali.

 

Avere un team aziendale dedicato, come il Vascular Team di Pisa, permette di personalizzare la scelta del device vascolare in base alle esigenze diagnostico-terapeutiche del paziente, migliorando in tal modo il rapporto costo-efficacia e la sicurezza del paziente nelle fasi pre e post impianto”.

Loading...
Loading...