Loading...

Destri e mancini: si nasce o si diventa?

0
227
mano destrimani o mancini
Loading...
Loading...

mano destrimani o mancini

I bambini diventano o nascono destri o mancini? Si tratta di una curiosità che potrebbe destare l’interesse soprattutto delle mamme. In particolare si tratta di un quesito molto interessante che si inserisce nel dibattito più generale riguardante le neuroscienze sulla preponderanza della genetica o dell’ambiente nel determinare alcune nostre caratteristiche. In particolare uno studio condotto dai SISSA di Trieste in collaborazione con i colleghi dell’Università di Padova, ha scoperto che già a 18 settimane dal concepimento la preferenza manuale sarebbe ben definita nel feto. Lo studio ha preso in considerazione i movimenti delle mani di 29 feti durante la 14esima, la 18esima e la 22esima settimana di gestazione. I ricercatori per ottenere risultati quanto più attendibili hanno utilizzato l’ecografia 4D, per visualizzare l’immagine tridimensionale in tempo reale e in movimento. Dallo studio è emerso che già a partire dalla 18esima settimana il feto compie dei movimenti più frequentemente e più precisi e rapidi con una sola delle mani. Detta in altri termini, la dominanza manuale è già riconoscibile prima della nascita. Le conferme sono arrivate dopo la nascita dei bambini. In particolare tutti e 29 i bambini che oggi hanno 9 anni hanno confermato a pieno le aspettative dei ricercatori: i feti che usavano la mano sinistra nell’utero si sono rivelati mancini anche crescendo. In particolare così spiegano i ricercatori: “La preferenza
manuale riflette le differenze tra i due emisferi. Questa caratteristica è talvolta associata a patologie che coinvolgono un’asimmetria cerebrale, come la schizofrenia e i disturbi dello spettro autistico”. Ed ancora:”Anche perché, quelle stesse ecografie 4D che dieci anni fa
erano esami all’avanguardia sono oggi prassi in tutti gli ospedali.

 

La cinematica fetale potrebbe essere usata per l’identificazione di nuovi marcatori che consentirebbero di intervenire precocemente e compensare eventuali problemi di sviluppo”. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

Loading...
Loading...