Avvocato morto in Brasile, la fidanzata: “L’ho ucciso durante un rituale di magia”

0
119

Omicidio avvocato torineseLe ultime notizie sul caso di Carlo Cicchelli, l’avvocato italiano ucciso in Brasile, portano a una pista sconcertante: ad uccidere l’uomo sarebbe stata la sua fidanzata Cléea Fernanda Maximo. La donna ha riferito alla polizia di aver ucciso il compagno durante un rituale di magia, che lo stesso avvocato le avrebbe chiesto di praticargli, mentre si trovava legato e immobilizzato. A riferire questo particolare relativo all’inchiesta è l’investigatrice Rosimeire Vieira, che sta indagando sulla vicenda dai risvolti ancora poco chiari. La donna ha detto di non aver premeditato di ucciderlo, ma di aver approfittato della circostanza, in quanto avrebbe subito spesso: “una costante violenza fisica e psicologica”. La polizia ha trovato il cadavere dell’avvocato in avanzato stato di decomposizione. Stando a quanto è stato possibile ricostruire, il cadavere sarebbe rimasto nella stanza per almeno due giorni, dopodiché la donna avvolgendolo in sacchi di plastica, l’avrebbe deposto in un’altra stanza. Per rendere meno forte il cattivo odore emanante dalla putrefazione, Cléea Fernanda Maximo rivela di aver utilizzato alcuni prodotti. Intanto la polizia sta indagando per scoprire se la versione fornita dalla fidanzata sia veritiera o meno o se invece dietro il crimine vi siano delle motivazioni economiche, visto che la donna chiedeva del denaro ai parenti dell’avvocato che vivono in Italia.

loading...