Loading...

Crostacei e applicazioni mediche nel campo delle protesi

0
Loading...
Loading...

Protesi 3D

Una ricerca scientifica coordinata dall’Hannover Medical School in collaborazione con l’Università di Torino, ha realizzato un importante studio relativo all’importanza dei crostacei in ambito medico. In particolare una sostanza contenuta nei crostacei si è dimostrata efficace nel favorire la riparazione e quindi la guarigione dei nervi periferici danneggiati.

Questo è possibile perché nell’esoscheletro dei crostacei è contenuta una sostanza il chitosano, un polisaccaride lineare formato da D-glucosamina e N-acetil-D-glucosamina. Il chitosano viene usato normalmente come componente dello shampoo.

I ricercatori hanno scoperto che il chitosano che viene estratto dal guscio dei crostacei, può guidare la ricrescita delle fibre nervose periferiche danneggiate dopo una lesione. I vantaggi nell’applicazione del chitosano derivano anche dal fatto che si tratta di un elemento biologicamente compatibile, facile da suturare ed è biodegradabile nel medio pereiodo.

Le protesi al chitosano rappresentano per cui una valida alternativa all’autotrapianto. Insomma il recupero dei nervi lesionati è paragonabile al risultato ottenuto dagli innesti autotrapiantati. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Biomaterials.

Loading...
Loading...