Loading...

Pipì in piscina, così fan tutti: ma sai cosa rischi?

0
10
Piscina
Loading...
Loading...

Piscina

È difficile ammetterlo, ma molte persone fanno pipì nelle piscine e non sono solo i bambini. Un medico spiega perché fa così male, soprattutto se combinato con il cloro.

Ci piace credere che la maggior parte delle persone non urina nella piscina in cui stiamo nuotando, ma sarebbe una pia illusione. Per noi è chiaro che è così, soprattutto quando i bambini nuotano. Gli studi hanno rilevato che fino al 40% degli intervistati ammette di urinare mentre nuota in piscina. E se ciò non bastasse, i campioni raccolti dalle piscine pubbliche in Canada per uno studio, contengono urina in tutti loro. Dovremmo preoccuparci? Per rispondere a questo, bisogna capire cos’è l’urina e di cosa è fatta. L’urina è composta per il 95% da acqua. Il restante 5% è costituito dalla scomposizione di cibi, bevande e altre sostanze che consumiamo.

Cosa c’è nella pipì?

Urea – Una sostanza prodotta nel fegato la cui funzione è di trasportare l’ammoniaca e l’azoto in eccesso fuori dal corpo;

Acido urico – formato nel corpo a seguito della scomposizione di alcune sostanze come la birra. L’acido urico è un antiossidante la cui funzione è quella di curare le cellule danneggiate – e no, ciò non significa che la birra sia sana;

Elettroliti, ad esempio sodio, cloro e potassio;

Residui microscopici filtrati dai nostri corpi, come globuli morti e residui di sostanze chimiche da tabacco, droghe, vitamine e altre sostanze.

Nonostante la voce che l’urina sia sterile, alcuni batteri che vivono in tutto il sistema vengono escreti con l’urina. Se non soffriamo di infiammazione in quel momento, sono considerati batteri “buoni” che fanno parte del microbioma. Urina e cloro non sono una combinazione vincente. A parte il fatto che è davvero disgustoso nuotare in una piscina per la pipì, è importante capire cosa succede quando l’urina e il cloro si incontrano.

L’urina si lega al cloro della piscina, neutralizzando così il cloro il cui compito è quello di uccidere i batteri che ci fanno ammalare. Inoltre, l’acido urico si lega al cloro e quindi si formano miscele dannose per molti organi del corpo e uno, il cloruro di cianogeno, viene persino usato come arma chimica. La quantità di queste miscele nelle piscine sarà probabilmente molto piccola e non ci ucciderà, ma causerà arrossamento e bruciore agli occhi. L’urina non è l’unico problema nelle piscine.

Molte malattie causate dai batteri si diffondono attraverso l’ingestione, l’inalazione o il contatto della pelle con l’acqua contaminata in piscine, vasche idromassaggio, parchi acquatici, fontane, ecc. Un’ampia varietà di malattie, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello  “Sportello dei Diritti” , sono state collegate al nuoto in piscina, comprese quelle gastrointestinali, della pelle, infezioni dell’orecchio, delle vie respiratorie, degli occhi e delle ferite. Tra le infezioni, la più comune è la diarrea che può essere causata da vari batteri come shigella ed E. coli, vari virus come il norovirus o parassiti come il cryptosporidium. Il modo principale per proteggersi da questi contaminanti è cercare di evitare di ingerire il più possibile l’acqua della piscina. Inoltre, poiché la maggior parte dei batteri aderisce alla pelle, è importante lavarsi con il sapone prima di mangiare e mettere le mani in bocca.

Loading...
Loading...