Loading...

Vacanze nel Mar Mediterraneo: attenzione agli animali velenosi

0
67
Loading...
Loading...

Vacanze nel Mar Mediterraneo: in acqua e in spiaggia vivono animali micidiali. Il veleno di questi animali può essere mortale. Anche nel Mar Mediterraneo possono verificarsi incontri dolorosi e persino mortali con degli animali velenosi in acqua e sulla spiaggia. A causa del cambiamento climatico, sono infatti migrate nuove specie.

Chiunque cerchi di rinfrescarsi nel Mediterraneo dovrebbe sapere come muoversi. Perché ci sono alcuni pericoli in agguato per le persone sott’acqua. Cosa dovrebbero sapere i vacanzieri e come chi come Michelle Hunziker ha vissuto in prima persona. La conduttrice televisiva è stata fortunata: è stata presa al collo da una medusa mentre era in vacanza alle Isole Eolie. È stato certamente estremamente sgradevole, ma non seriamente minaccioso. Ma alcuni degli animali più velenosi del mondo vivono anche dentro e intorno al Mar Mediterraneo.

Un incontro con loro può essere mortale, soprattutto per chi soffre di allergie. Gli squali saranno probabilmente la prima cosa a cui la maggior parte delle persone penserà. Sì, ci sono anche gli squali nel Mediterraneo, ma gli attacchi di squali sono piuttosto rari in Europa. I pericoli maggiori provengono da animali più piccoli, che sono facilmente trascurati o sottovalutati.

Tra i 20 animali marini più pericolosi al mondo secondo gli esperti ci sono alcuni che vivono nel Mediterraneo, come la tracina, le meduse luminose e i serpenti marini. A causa delle ondate di caldo si stanno diffondendo nuove specie velenose, in realtà originarie delle calde acque dei tropici. Nel frattempo il Mediterraneo si è riscaldato così tanto che anche i pesci palla e il pesce leone si trovano a loro agio. Secondo un rapporto dell’organizzazione per la protezione dell’ambiente WWF, nessun altro mare al mondo si riscalda così rapidamente e tanto quanto l’acqua tra l’Europa meridionale, il Nord Africa e il Medio Oriente.

Non tutti gli animali possono uccidere gli umani, ma un incontro può finire in modo molto doloroso. Come già accennato: l’incontro con uno squalo è piuttosto raro nel Mediterraneo. Tuttavia, ci sono diverse specie di squali che vivono nel Mar Mediterraneo. Infatti, lo squalo più pericoloso e più grande di tutti si trova anche nel Mediterraneo, come riportato dal WWF: lo squalo bianco. Questo è considerato in pericolo a causa della sua rarità.

A livello globale, ogni anno si verificano da tre a sette attacchi di grandi squali bianchi, circa il 20% dei quali sono fatali. La maggior parte degli attacchi avviene al largo delle coste della California, del Sud Africa, dell’Australia Meridionale e del Giappone, ma non nel Mediterraneo. La maggior parte degli altri squali del Mediterraneo sono piuttosto innocui e mangiano plancton o pesce. Molto più pericoloso per l’uomo è il pesce tracina. Il pesce piccolo e poco appariscente è uno dei pesci più velenosi d’Europa ed è anche entrato nella top 11 degli animali più velenosi. Sebbene sia piuttosto piccola e poco appariscente, la tracina ha un brutto soprannome: «Vipera del mare». Perché proprio come la vipera, le piace seppellirsi nella sabbia. Tuttavia non del deserto, ma nelle acque profonde fino alle ginocchia della costa atlantica, del Mare del Nord e del Baltico e del Mediterraneo, dove i pesci, che appartengono alle pinne spinose, sono difficilmente visibili.

Il risultato: sempre più bagnanti o chi passeggia sulla spiaggia calpestano accidentalmente questi compagni chiodati. La puntura provoca dolore intenso e gonfiore di lunga durata. Nel peggiore dei casi, possono verificarsi shock allergici pericolosi per la vita e l’arresto cardiaco. Altri come le meduse sono particolarmente pericolosi: anche se non mortale, un incontro con la medusa luminosa può essere davvero doloroso. Vive principalmente intorno alle Isole Baleari. Quando viene toccato, l’animale assume un delicato colore rosa e provoca gravi ustioni negli esseri umani, che possono guarire solo lentamente e lasciare cicatrici. Questo è particolarmente drammatico per chi soffre di allergie. I tentacoli delle meduse possono ancora causare vesciche sulla loro pelle settimane dopo. Lo stesso vale per la medusa bussola, che si riconosce per le sue strisce marroni. Anche la caravella portoghese è cnidara. Viene anche chiamato “Terrore fluttuante” – il nome dice tutto. L’animale pericoloso non è in realtà originario del Mar Mediterraneo, ma le correnti possono portarlo anche nelle acque delle Isole Baleari. Sui tentacoli della caravella portoghese ci sono fino a 1.000 cellule urticanti per centimetro, che contengono una miscela velenosa di diverse proteine. La velenosa caravella portoghese è stata avvistata vicino alla capitale di Maiorca, Palma. Il veleno agisce direttamente sulle cellule nervose al contatto con la pelle e può uccidere pesci più piccoli e altre prede: l’ortica provoca un forte dolore negli esseri umani. Il contatto con i tentacoli lascia sulla pelle dei pomfi rossi. Il veleno può raggiungere anche i linfonodi, dove provoca un dolore ancora maggiore.

Un adulto sano sopravvive alle “ustioni” delle meduse senza pericolo di vita. Nelle persone indebolite o con allergie esiste il rischio di uno shock allergico, che nel peggiore dei casi può essere fatale. Ci sono anche serpenti velenosi sott’acqua e non solo a terra, il cui morso può essere sgradevole per l’uomo. 56 specie di serpenti marini sono conosciute in tutto il mondo, alcune delle quali vivono anche nel Mediterraneo. Dopo un morso di veleno nell’uomo, i primi sintomi come mal di testa, nausea, diarrea, vertigini e crampi compaiono entro poche ore. Nel peggiore dei casi, può anche portare alla morte per paralisi respiratoria.

Anche incontrare una pastinaca nel Mediterraneo può essere piuttosto doloroso. Il pesce cartilagineo piatto ha una lunga coda con una puntura velenosa e cresce fino a tre metri di lunghezza. La pastinaca si difende dai nemici con il suo pungiglione uncinato. Può anche causare lesioni mortali agli esseri umani. Tuttavia, un incontro con una pastinaca nel Mediterraneo è piuttosto raro e di solito si verifica un attacco solo se l’animale si sente minacciato.

Di recente nel Mediterraneo si stanno diffondendo nuovi pericoli: il pesce leone indiano, ad esempio – se toccato, nel peggiore dei casi c’è anche il rischio di arresto respiratorio. Il pesce palla testa di coniglio non solo ha un nome carino, ma sembra anche totalmente carino e innocuo. Ma non è affatto innocuo: questa specie di pesce palla non è solo velenosa, ma ha anche denti molto affilati che possono persino penetrare nel metallo.

La regola generale, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti è: chiunque venga morso o punto da un animale nel o sul Mar Mediterraneo dovrebbe, se possibile, prendere nota del proprio aspetto o, se possibile, scattare una foto. Se si sviluppano sintomi, è consigliabile consultare un medico prima che si sviluppino sintomi peggiori. Perché, come abbiamo appreso, una puntura o un morso possono finire rapidamente in modo fatale nel peggiore dei casi, ma soprattutto solo se non affrontati adeguatamente.

Loading...
Loading...