Loading...

Primo ibrido tra cane e volpe scoperto in Brasile

0
1
Loading...
Loading...

Chi sa come l’avrebbe descritto Ovidio nelle “Metamorfosi”, il testo che gli ha arriso fama imperitura.

La colonizzazione da parte degli esseri umani della natura selvaggia è foriera di molteplici conseguenze. Questo processo mette in contatto tra loro gli esseri umani e la fauna selvatica, ma anche gli animali domestici con il mondo selvaggio. Questa è proprio una causa della diffusione di nuove malattie, ma dà anche luogo alla comparsa di nuove specie finora sconosciute, derivanti da incroci tra specie domestiche e selvatiche.

È il caso di quanto accaduto in Brasile, dove i ricercatori hanno documentato il primo caso noto di ibridazione tra una volpe della pampa e un cane domestico. Due anni fa, nel 2021, una femmina di quello che sembrava essere un cane è stata portata al Centro per la conservazione e la riabilitazione degli animali selvatici dell’Università Federale del Rio Grande do Sul, in Brasile, dopo essere stata investita da un’auto.

Il suo aspetto del tutto insolito ha sconcertato gli esperti del centro, che non sapevano se si trattava di un cane o di un altro canide selvatico. Pertanto, il team ha deciso di indagare sulla genetica del campione per scoprire di cosa si trattasse esattamente.

Esistono quattro specie di canidi selvatici che vivono nel Rio Grande do Sul e che potrebbero essere responsabili di questa ibridazione. È noto che uno di essi, il bushdog, ha un areale di distribuzione che non coincide con il luogo in cui è stata ritrovata la femmina investita. Ciò restringe il margine a tre specie: il lupo dalla criniera, la volpe granchivora e la volpe della pampa. Il primo fu scartato perché era la specie di canide più grande del Sud America e, inoltre, la forma e le dimensioni non corrispondevano all’esemplare ritrovato. Le restanti due, la volpe granchivora e la volpe della pampa, sembravano abbastanza simili, ma entrambe avevano la pelliccia più grigia, mentre l’animale trovato era nero scuro con alcuni peli bianchi.

Il team ha analizzato la genetica dell’individuo ibridato e l’ha confrontata con le tre possibili specie di canidi presenti nella zona e con i cani domestici, nonché la riproduzione tra le specie stesse. Hanno scoperto che l’individuo ucciso sulla strada aveva 76 cromosomi, mentre i cani domestici ne hanno 78 e le volpi della pampa ne hanno 74. Pertanto, l’ibridazione tra i due produrrebbe un individuo con 76 cromosomi, spiega il portale IFLScience.

Dopo l’analisi genetica, i risultati hanno rivelato che una volpe della pampa e un cane domestico erano i probabili genitori della femmina salvata, che sarebbe un ibrido di entrambi. I risultati mostrano che sua madre era la volpe della pampa mentre suo padre era un cane domestico di razza sconosciuta. Gli scienziati considerano la scoperta doppiamente interessante, poiché le volpi della pampa (Lycalopex gymnocercus) appartengono al genere Lycalopex, dimostrando che la riproduzione è possibile tra membri del genere Lycalopex e Canis. I cani domestici sono Canis familiaris. “Era un animale straordinario, davvero un ibrido tra una volpe della pampa e un cane”, ha detto al quotidiano britannico The Telegraph Flávia Ferrari, un’ambientalista che ha lavorato con l’animale durante il suo recupero . “Aveva una personalità timida e cauta e generalmente preferiva stare lontana dalla gente. Durante il periodo in cui è stata ricoverata in ospedale per cure, penso che abbia iniziato a sentirsi più sicura”.

L’ibrido cane-volpe si è completamente ripreso al centro ed è stato successivamente trasferito in un centro di conservazione chiamato Mantenedouro São Braz nella città di Santa Maria, secondo il Telegraph. Tuttavia, è morto quest’anno per cause sconosciute. Il team afferma che c’è ancora molto lavoro da fare per analizzare la frequenza di questi eventi di ibridazione e l’impatto che questi hanno sulle popolazioni selvatiche di volpi della pampa.

Loading...
Loading...