Loading...

Giudici: nessun nesso tra vaccino ed autismo

0
Loading...
Loading...

Vaccino Influenza

La Corte d’Appello di Bologna ha ribaltato la precedente sentenza relativa emessa dal Tribunale di Rimini nel 2012 che aveva condannato il Ministero della Salute a risarcire con una somma pari a 200mila euro una famiglia in quanto il figlio dopo essere stato sottoposto al vaccino contro il morbillo aveva sviluppato l’autismo. Insomma i giudici hanno stabilito che non esiste alcuna correlazione tra il vaccino trovalente (morbillo, parotite e rosolia) e l’autismo.

Il Ministero della Salute dopo la condanna in primo grado ha fatto ricorso in Appello. L’unica cosa che avrebbe potuto far pensare a una correlazione tra i due eventi è l’ordine temporale i cui i fatti si sono verificati, nel senso che il vaccino contro morbillo, rosolia e parotite viene somministrato prima della diagnosi di autismo che ariva tra i 3 e i 6 anni.

Insomma per la corte d’Appello non esistono prove valide e sufficienti a suffragare un legame tra i due eventi che possa valere come una evidenza scientifica. Ed in secondo grado i giudici hanno stabilito che non esiste alcun nesso causale tra la somministrazione del vaccino e l’insorgenza della sindrome autistica.

La sentenza di primo grado ha trovato il suo fondamento in uno studio pubblicato dal medico inglese Andrew Wakefield sulla rivista Lancet, successivamente però è stato ritirato per malafede dell’autore che avevacontraffatto i dati della ricerca. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, nonché la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Salute Pubblica (Sltl) hanno sempre evidenziato la mancanza di qualsiasi correlazione tra vaccino e autismo.

Loading...
Loading...