Loading...

Divorzio breve: tutte le novità del disegno di legge in discussione al Senato

0
453
Matrimonio
Loading...
Loading...

Matrimonio

Perché in Italia si arrivasse al divorzio bisognò attendere la legge del 1 dicembre 1970. Tuttavia in quel periodo di mutamenti sociali (si era ancora nel pieno dei movimenti libertari espressi dal 68′) non mancavano le spinte retrive, specie da parte della democrazia cristiana, che esprimeva il fronte dell’italia cattolica ed anti-divorzista. Con il referendum sul divorzio il 12 maggio del 1974 gli italiani furono chiamati a esprimersi sulla conservazione della legge o sulla sua abrogazione: al referendum parteciparono l’87,7% degli aventi diritto al voto. Grazie al 60% dei no la legge è rimasta in vigore. Tuttavia si discute da anni sulla possiilità del divorzio breve, la questione è approdata al Senato che sta valutano il disegno di legge sull’accorciamento dei tempi necessari al divorzio.

DIVORZIO IMMEDIATO

Le novità più importanti riguardano l’accorciamento dei tempi di separazione tra marito e moglie: in pratica il progetto di legge prevede che la fine del matrimonio tra i due coniugi possa essere chiesto all’autorità giudiziaria competente purché questa sia la volontà consensuale di entrambi i coniugi, solo se la coppia non ha figli, oppure se se i figli hanno più di 26 anni e sono economicamente autosufficienti, non ci sono figli portatori di handicap né figli minorenni. Soltanto in presenza di tutte queste condizioni la coppia potrà divorziare entro 6 mesi senza passare prima per la separazione.

DIVORZIO BREVE

Per arrivare al divorzio breve, che è uno dei punti focali di questo DDL in discussione al Senato, invece sarebbero necessari 12 mesi, in luogo di quanto è previsto attualmente: ovvero 3 anni per arrivare al divorzio. Nel caso di accordo tra i coniugi i tempi tra separazione e divorzio si restringerebbero ulteriormente a 6 mesi. In tal caso la cessazione del vincolo coniugale potrà essere richiesto da entrambi o da uno solo dei coniugi quando è stata pronunciata con sentenza passata in giudicato la separazione giudiziale, oppure quando è stata omologata la separazione consensuale, o, ancora, nei casi in cui è intervenuta separazione di fatto, quando la stessa è iniziata almeno due anni prima del 18 dicembre 1970.

REGIME PATRIMONIALE

Per quanto riguarda invece il regime patrimoniale dei beni mentre attualmente lo scioglimento della comunione dei beni tra i coniugi avviene nel momento in cui la sentenza di separazione passa in giudicato ovvero diventa definitiva, in base al disegno di legge questo momento viene anticipato alla data in cui il giudice autorizza i coniugi a vivere separati oppure dal momento della sottoscrizione del verbale di separazione consensuale.

Loading...
Loading...