Loading...

Lo strano caso di San Vitaliano in Campania: inquinamento senza spiegazione

0
Loading...
Loading...

Inquinamento Smog

San Vitaliano, un paese del Nolano in Campania, risulta tra i più inquinati in Italia per quanto riguarda le polveri sottili. I dati più allarmanti riguardano infatti proprio i livelli di Pm10 (materia particolata) nell’aria: il limite fissato dalla legge di di 50 microgrammi per metrocubo di Pm10 che nel nostro paese può essere superato 35 volte massimo in un anno, è stato superato ben 51 volte negli ultimi 100 giorni. Tuttavia non si sa se questi valore oltre la norma riguardano solo San Vitaliano oppure anche altri comuni in provincia di Napoli, in quanto San Vitaliano è uno dei pochi comuni della zona ad essersi dotato di una centralina di rilevamento. In un primo momento si è pensato perfino che la registrazione di questi valori anomali di materia particolata potesse derivare da qualche difetto di funzionamento della centralina stessa. In questo senso è stata chiesta una verifica all’Arpac, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania, che non ha riscontrato alcun problema tecnico. Insomma facendo un raffronto con i livelli di inquinamento in Cina emerge ancora di più la drammaticità di questa situazione: nel paese del Sol levante la percentuale media di Pm10 è di 90, ben oltre il limite massimo di 50 oltre il quale si rischia la salute, ebbene a San Vitaliano per ben 18 volte si sono registrati valori oltre questo limite di 100. Intanto è stata convocata una riunione con i comuni confinanti (Marigliano, Nola, Scisciano e Saviano). L’amministrazione comunale di San Vitaliano ha escluso che questi livelli anomali di Pm10 siano da mettere in relazone con i roghi tossici nella Terra dei fuochi.

 

Tuttavia questi dati allarmano la popolazione, in particolare mamme e nonne che raccontano e raccolgono casi di nipoti e figli che si ammalano sempre di più di patologie tumorali, soprattutto perché non si riesce a trovare la causa di questo inquinamento così elevato.

Loading...
Loading...