Loading...

Chirurghi ospedalieri denunciano: “I bisturi in Italia non tagliano, rischi molteplici per i pazienti”

0
441
Bisturi
Loading...
Loading...

Bisturi

Quando si fa riferimento in senso traslato alla precisione chirurgica si intende proprio una precisione radicale, totale, senza il minimo scarto o errore. Perché l’atto chirurgico sia tale ovviamente è necessario che il bisturi sia di qualità. In realtà almeno in Italia invece questo strumento in dotazione ai medici chirurghi sarebbe tutt’altro che di buona qualità. I chirurghi ospedalieri Acoi hanno denunciato che i ferri del mestiere in loro possesso sono poco performanti. Nello specifico i bisturi sono scadenti per cui non tagliano a dovere come dovrebbero. E’ quanto ha denunciato il presidente Diego Pazza: “La continua ricerca del prezzo di mercato più basso, con criteri di valutazione spesso discutibili da parte delle commissioni regionali  ha determinato un livellamento verso il basso della qualità. Il prezzo non può e non deve essere l`unico criterio di valutazione, a scapito della qualità e della sicurezza“. La scarsa qualità dello strumento utilizzato ha conseguenze sia sul piano estetico perché il taglio operato perde in precisione chirurgica, ma anche infettive.

 

Inotre sempre Piazza aggiunge che: “si tratta di una scelta antieconomica, perché per uno stesso intervento può essere necessario utilizzare più bisturi, cosa che non si verificherebbe con un buon bisturi che, al contrario, potrebbe essere utilizzato più volte durante lo stesso intervento“.

Loading...
Loading...